RSS

Archivi tag: Tasse

L’Italia è il Paese Ue con più tasse e meno welfare, in Sicilia 1 su 2 a rischio povertà

Venezia | Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d’Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto 18 milioni di persone, secondo quanto rileva la Cgia. Read the rest of this entry »

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 marzo 2018 in La grande Crisi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Novembre, il mese delle tasse

calcolCome da tradizione, novembre è il mese delle tasse. Tra l’Iva, gli acconti Irpef, l’Irap, l’Ires, le addizionali Irpef e le ritenute di imposta, l’erario incasserà 55,3 miliardi di euro. Questo risultato, a cui è giunto l’Ufficio studi della Cgia, stima lo sforzo fiscale che le imprese, i lavoratori dipendenti e i possessori di altri redditi saranno chiamati a sostenere entro la fine di questo mese. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Troppe tasse nonostante la crisi: in sei anni pagati 29 miliardi in più

(Teleborsa) – In una delle fasi più critiche dell’economia italiana, le famiglie e le imprese italiane sono state letteralmente svenate dalle tasse, arrivando a pagare 29 miliardi in più in sei anni.  E’ quanto emerge dai calcoli effettuati dall’Ufficio studi della CGIA, l’associazione che rappresenta le PMI venete, secondo la quale, negli ultimi 6 anni, le imposte nazionali al netto del bonus Renzi sono salite del 6,1% e le tasse locali dell’8%. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , , ,

Raffica di scadenze

soldi1Raffica di scadenze per le imposte nazionali, da pagare entro il 2 dicembre, e quelle locali, 16 dicembre. Dagli acconti all’Imu, passando per la Tares, sull’ultimo mese si scaricano gli aumenti di tutto l’anno.

Il 2 scade l’acconto sull’Irpef, da pagare in soluzione unica. Escluso da adempimenti e tasse extra chi ha solo un reddito fisso da stipendio o pensione, anche se ha una casa di proprietà non affittata. L’imposta sostitutiva del 5% dedicata ai giovani professionisti con meno di 35 anni sarà calcolata sul 100% dell’imposta dovuta. Sempre entro il 2 dicembre le imprese dovranno pagare acconto Ires che arriverà al 101%. In sostanza, la tassa è in realtà un prestito forzoso. E infine l’acconto Irap. Anche questo, in scadenza il 2 dicembre.

Il 2 dicembre scadono anche Ivie e Ivafe, le imposte con le quali lo Stato tassa gli immobili posseduti all’estero da contribuenti italiani e le attività finanziarie oltreconfine. Sempre il 2 dicembre: scadenza dei versamenti per chi ha scelto la cedolare secca sugli affitti. I Comuni potrebbero continuare a chiedere le vecchie Tarsu o Tia per tutto il 2013. Nel 2014 debutterà invece la nuova Tari.

Intanto cominciano ad arrivare i bollettini per il pagamento di una maggiorazione su una tassa che non esiste più, il tributo sui rifiuti che sarà diluito nella prossima service tax. I contribuenti rischiano di pagare 2 miliardi in più di tasse. Se il governo non troverà risorse sufficienti entro la fine di novembre, scatterà la prima delle “clausole di salvaguardia” previste dalla Legge di Stabilità. I rincari scatterebbero automaticamente sulle accise (benzina, sigarette), acconti Irpef e Irap.

>  www.msn.com

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 novembre 2013 in Politica e Istituzioni

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nuove tasse al debutto

tasseTre nuove tasse al debutto, ma anche maggiori sconti per i figli e la promessa che gli importi della lotta all’evasione saranno utilizzati per abbattere le imposte a famiglie e imprese. Se il 2012 è stato l’anno dell’IMU, il 2013 vedrà l’arrivo di tre “nuove” imposte e certo non sarà meno impegnativo per gli italiani. La pressione fiscale, in base alle ultime previsioni del governo, salirà dal 44,7% dell’anno appena concluso al livello record del 45,3%. Le nuove tasse guardano soprattutto alla casa e agli investimenti finanziari.

Scatta da subito l’IVIE, l’imposta che si paga sul valore degli immobili all’estero, mentre bisognerà attendere marzo per la TOBIN TAX sulle transazioni finanziarie. A caratterizzare l’anno sarà pero’ la TARES, la nuova tariffa sui rifiuti che si preannuncia come un balzello di rilievo: si pagherà da aprile sulla grandezza degli immobili ma manderà in pensione la vecchia TARSU e assorbirà la Tassa di IGIENE AMBIENTALE. Ma a pesare sui portafogli dei contribuenti sarà l’IVA che a luglio vedrà l’aliquota salire dal 21 al 22%.

Non ci saranno comunque solo note dolenti. Da tenere presente che fino a giugno sara’ possibile usufruire di maggiori sconti sui lavori di ristrutturazione (dopo, la detrazione scende dal 50 al 36%) e scattano i nuovi sconti per i figli a carico. C’è poi l’aspettativa di un calo delle tasse su famiglie e imprese: il “fondo per il calo delle tasse” arriva dal 2013 e sarà rimpinguato con la lotta all’evasione che vedrà in campo il nuovo redditometro.

> notizia Ansa – http://www.msn.com

 
 

Tag: , , , , , , , , , ,