RSS

Archivi tag: Repubblica.it

La recessione entra nelle buste paga: “Fermi i bonus, stipendi al palo. Soffre anche il Nord”

Milano – Una produttività al palo da ormai troppi anni ha gettato le buste paga degli italiani in una palude. La recessione che ha caratterizzato la seconda parte del 2018 si è riverberata anche sugli stipendi dei lavoratori dipendenti, con alcuni campanelli d’allarme che riguardano la parte variabile e il rallentamento del Nord produttivo. I dati dell’Osservatorio Jobpricing (Salary Outlook 2019), che si riferiscono ai dipendenti del settore privato, sono in linea con quel che ci hanno detto altre istituzioni come Ocse ed Istat. L’anno scorso, la retribuzione lorda annua (RAL) dei lavoratori si è attestata in media a 29.278 euro, la metà di quella del Lussemburgo che guarda tutti dall’alto ma anche il 25% sotto quella della Francia, Paese che ci precede. Read the rest of this entry »

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 aprile 2019 in La grande Crisi

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Censis: giovani in calo e sempre più emarginati sul lavoro

Sono sempre meno presenti nel mondo del lavoro, ma soprattutto sono sempre di meno: i giovani italiani tra i 15 e i 34 rappresentano una minoranza della popolazione, appena il 20,8%. Ma, osserva il Rapporto Censis sulla situazione del Paese, nel resto dell’Europa non va troppo meglio, la fascia 15-24 anni in media è il 23,7% della popolazione, mentre i giovanissimi (tra i 15 e i 34 anni) arrivano al 10% (il 9,3% in Italia). Ma quello che fa ancora più paura è l’emarginazione dei (pochi) giovani: tra il 2007 e il 2017 gli occupati di età compresa tra i 25 e i 34 anni è calata del 27,3%, un milione e mezzo di giovani lavoratori in meno. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 dicembre 2018 in Senza categoria

 

Tag: , , , , , ,

Censis: italiani spaventati e incattiviti nel Paese che non cresce più

Un’Italia sempre più disgregata, impaurita, incattivita, impoverita, e anagraficamente vecchia. Il 52° Rapporto Censis parla di “sovranismo psichico” e delinea il ritratto di un Paese in declino, in cerca di sicurezze che non trova, sempre più diviso tra un Sud che si spopola e un Centro-Nord che fa sempre più fatica a mantenere le promesse in materia di lavoro, stabilità, crescita, soprattutto futuro. “Il processo strutturale chiave dell’attuale situazione è l’assenza di prospettive di crescita, individuali e collettive”, sintetizza il Censis. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 dicembre 2018 in La grande Crisi

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

“Il bimbo non vuole andare a scuola”, manuale di sopravvivenza per genitori

È l’ora di uscire di casa, si sta facendo tardi. E proprio in quel momento scoppia il dramma: “Mamma non voglio andare a scuola!”. Quasi tutti i genitori si sono ritrovati davanti a bambini recalcitranti o piangenti, soprattutto in periodi come questo, quando le lunghe vacanze sono finite, quando si sta per cominciare un nuovo ciclo scolastico o si è cambiato istituto. In una certa misura questi comportamenti si possono e devono tollerare e rientrano nella voce capricci, ma se ripetuti e accompagnati da segnali specifici possono nascondere problemi più profondi ed è bene intervenire prontamente. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 settembre 2018 in Infanzia e Adolescenza

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Allarme Save The Children: In Italia un bambino su dieci vive in povertà assoluta

Una consistente fetta d’Italia è in gravissime difficoltà economiche, con un effetto domino sui minori che vivono in quelle famiglie. Un milione e trecentomila bambini e ragazzi infatti vivono in povertà assoluta. Una quota altissima, il 12,5% del totale. A lanciare l’allarme il nuovo rapporto di Save the Children, “Nuotare contro corrente”. Povertà educativa e resilienza in Italia. Numeri che non si distaccano dagli ultimi dati raccolti dall’associazione e resi noti a novembre in occasione della Giornata dei diritti dell’infanzia. Nell’ultimo anno, dunque, nessun grosso miglioramento da questo punto di vista nel nostro Paese.  Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 maggio 2018 in Save the Children

 

Tag: , , , , , , , , ,

Scuola, sbloccate dal governo quasi 60mila assunzioni

Quasi 60mila assunzioni nella scuola tra docenti, dirigenti, educatori e personale Ata: amministrativi, tecnici e ausiliari. Il Consiglio dei ministri, ha appena annunciato la ministra della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, ha approvato tre decreti che danno il via libera definitivo alle assunzioni nella scuola. Per la precisione, saranno 58.348 i posti che verranno stabilizzati nel comparto dell’istruzione a decorrere dal primo settembre prossimo: 51.773 le cattedre già annunciate un mese fa dalla collega dell’Istruzione Valeria Fedeli, cui occorre aggiungere 6.260 unità di personale Ata, 259 dirigenti scolastici – che dovrebbero mitigare l’enorme numero di reggenze attese il prossimo anno – e 56 educatori nei convitti e negli educandati Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , ,

Lavoro, contratti stabili al palo: in due anni crolla il tempo indeterminato

Saldo positivo tra assunzioni e licenziamenti nei primi tre mesi dell’anno, ma con i contratti a termine che si confermano sempre più determinanti a fronte di una inchiodata di quelli stabili, che ormai dalla fine del 2015 non godono più dell’incentivo della piena decontribuzione. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 maggio 2017 in La grande Crisi

 

Tag: , , , ,