RSS

Archivi tag: Belicenews.it

Al via la prima misura del “Piano Giovani” in Sicilia: tirocini retribuiti a 500 € per 2000 disoccupati sotto i 35 anni

Dopo l’annuncio di Marzo 2014 viene finalmente pubblicato il Bando per il progetto ‘Piano Giovani in Sicilia’ con cui la Regione Siciliana, in collaborazione con Italia Lavoro offre nuove opportunità per i neet siciliani. Con questo avviso la Regione Siciliana ha stanziato circa 20 milioni di euro per il progetto “Giovani in Sicilia” con l’obiettivo di promuovere 2.000 percorsi di tirocinio a favore di giovani disoccupati/inoccupati, diplomati o in possesso di qualifica professionale, residenti in Sicilia da almeno 24 mesi, di età compresa tra i 25 e i 35 anni non compiuti, che siano inoccupati/disoccupati da almeno 6 mesi. L’iniziativa, che si realizzerà in collaborazione con Italia Lavoro, è destinata a rafforzare le opportunità di transizione scuola-lavoro, disoccupazione-lavoro, inattività-lavoro e contenimento del disagio della non occupazione giovanile in Sicilia.
I tirocini avranno una durata di 6 mesi e una borsa individuale di 500 euro lordi mensili. Nel caso in cui il tirocinante sia un disabile, o un richiedente asilo, o un soggetto titolare di protezione internazionale e umanitaria o di un soggetto in percorso di protezione sociale, la durata dovrà essere di 12 mesi e la borsa di tirocinio di 750 euro lordi mensili (a queste categorie sono riservati 200 posti). Ai soggetti ospitanti il tirocinio per l’attività di tutoraggio è riconosciuto un contributo di 250 euro al mese per ogni tirocinante. In caso di assunzione del tirocinante, il contributo è quantificato secondo il seguente schema:

  • 6.000 euro per ogni giovane assunto con contratto a tempo indeterminato a tempo pieno (7.000 in caso di lavoratore: disabile, soggetto richiedente asilo, soggetto titolare di protezione internazionale e umanitaria, o soggetto in percorso di protezione sociale);

  • 4.000 euro per ogni giovane assunto con contratto a tempo indeterminato part-time (4.600 in caso di lavoratore: disabile, soggetto richiedente asilo, soggetto titolare di protezione internazionale e umanitaria, o soggetto in percorso di protezione sociale);

  • 3.000 euro per ogni giovane assunto con contratto a tempo determinato della durata di almeno 24 mesi (3.600 in caso di lavoratore: disabile, soggetto richiedente asilo, soggetto titolare di protezione internazionale e umanitaria, o soggetto in percorso di protezione sociale);

  • 4.700 euro per ogni giovane assunto con contratto di apprendistato ex art. 4 del d.lgs. 167/2011.

Alla conclusione del percorso di tirocinio, Italia Lavoro rilascerà al tirocinante un “attestato” di partecipazione, a condizione che il percorso si sia concluso naturalmente e il tirocinante abbia maturato la frequenza di almeno il 70%.

Le aziende possono presentare la propria candidatura a ospitare giovani in tirocinio a partire da domani 28 giugno 2014. E’ necessario registrarsi al portale http://www.pianogiovanisicilia.com/ compilando l’apposito form e inserire le informazioni relative al tirocinio offerto per consentire ai giovani di candidarsi.

I giovani possono presentare la propria candidatura ai percorsi di tirocinio offerti dalle aziende, a partire dal 16° giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto del presente Avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (GURS), ovverosia dal 13 Luglio 2014, registrandosi al portale http://www.pianogiovanisicilia.com/ e compilando il form di adesione.

L’avviso resterà aperto fino a esaurimento risorse e, comunque, non oltre il 30 novembre 2014.

>  Adriano Butera – 27/06/2014 – http://www.belicenews.it

Annunci
 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Santa Margherita, ritorna il carnevale: gruppi mascherati e balli in piazza. Il programma.

carn margh 14Torna dopo un anno di assenza il Carnevale nella cittadina del Gattopardo. Al via, venerdì 28 febbraio, la XXVI edizione del Carnevale Margheritese 2014, che fino a martedì 4 marzo, allieterà cittadini e visitatori, con esibizioni di gruppi mascherati e balli in piazza. A sfilare lungo le vie del centro  sarà il carro allegorico “Maria Che Meraviglia” realizzato dall’associazione culturale Eracle e da tutti i ragazzi che venerdì, primo giorno della festa, potranno partecipare all’assemblaggio dell’opera in cartapesta. Con colori musica e animazione si proverà a riportare nella cittadina margheritese quel clima carnascialesco che si è perso negli anni.

Questo lo scopo dell’Amministrazione comunale che ha creduto nell’evento curato quest’anno dal presidente dell’associazione Eracle, Calogero Antonino Li Voti, coadiuvato dai capigruppo Paolo Milione, Giuseppe Butera, Calogero Li Voti e da tanti altri giovani entusiasti di riportare coriandoli e costumi per le vie di Santa Margherita di Belìce. Le sfilate si terranno dal 28 febbraio al 4 marzo a partire dalle 17 lungo le vie principali della cittadina, per concludersi ogni sera con feste ed esibizioni sul palco allestito in via Duomo – via Libertà (di fronte i circoli). Gli organizzatori, da mesi rinchiusi in un capannone per la realizzazione del carro, sperano nel coinvolgimento di tutta la città (grandi e piccini) così come accadeva in anni passati.

Domenica 2 marzo alle 17 presso il Teatro S. Alessandro i ragazzi dell’Aggregazione Atlantide daranno vita ad uno spettacolo di animazione rivolto ai bambini dal titolo “Coriandoli”. Il gran finale è previsto per martedì 4 marzo con una grande festa danzante per le vie del centro.

>  Onorio Abruzzowww.belicenews.it

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

La nuova Amministrazione Comunale di Santa Margherita di Belice

nuovagiunta14Due donne in giunta su quattro assessori. Una sola riconferma. Scioglie così la riserva il sindaco Valenti che quindici giorni fa  aveva deciso di avocare a sè le deleghe assessoriali, dopo 18 mesi alla guida del paese, a capo di una lista civica. Oggi presenta i suoi assi.

La deputata regionale Margherita La Rocca Ruvolo, residente a Santa Margherita, presidente dell’UdC siciliano e componente della V^ commissione Cultura, Formazione e Lavoro, a cui va la delega integrazione e pari opportunità,  famiglia e  politiche ambientali; Tanino Bonifacio,  critico d’arte e direttore del Parco Letterario “Giuseppe Tomasi di Lampedusa”. A lui decoro ed arredo urbano, programmazione, attività produttive, cultura e turismo, servizi a rete e polizia municipale; Filippo Rabito, dottore in giurisprudenza che si occuperà di economia e finanza, agricoltura e zootecnia, viabilità e verde pubblico. Tra l’esecutivo una riconferma: la già assessore Vita Morreale, insegnate di lettere, con le deleghe a politiche sociali e giovanili, istruzione,  sport, sanità,  protezione civile.

Lavori pubblici e politiche del territorio restano al sindaco Franco Valenti. Evidentemente, con questa decisione vorrà seguire più da vicino alcune questioni legate ad annosi problemi non risolti nella cittadina del Belice, quali quelli legati all’iter del Piano Regolatore ed anche la vicenda delle urbanizzazioni primarie che necessitano nel quartiere di via Cannitello, a circa mezzo secolo dal sisma del gennaio 1968 ancora non risolto, per mancanza di finanziamenti dallo Stato centrale.

“Si chiude la fase di riflessione. Dopo due settimane è arrivato il momento di dare a Santa Margherita un nuovo esecutivo. Una giunta che ha i caratteri della novità. Per come mi ero ripromesso penso di coniugare competenza e novità e di dare un segnale forte di discontinuità con le vecchie logiche politiche”. Così si è espresso il sindaco Franco Valenti, a poche ore dalla nomina dei suoi nuovi assessori. E sulle ricadute che tale scelta può comportare in seno al consiglio, Valenti afferma: “La giunta che mi presto a presentare sarà formata senza nessun vincolo politico nè partitico, nè di gruppi o sottogruppi. E’ una giunta che ha a cuore solo i problemi di questa nostra comunità, che non può permettersi ancora il lusso di dividersi su cose futili”.

Secondo l’on.le La Rocca Ruvolo “La mia è stata una nomina inaspettata per due motivi: il primo perchè mi ha lusingato tanto l’invito per la fiducia e la stima da parte di chi mi conosce da tempo e l’altro perchè, nonostante gli impegni alla Regione, la qualità della nuova giunta scelta dal sindaco Valenti, mi ha dato un motivo in più per offrire il mio impegno alla comunità”

Francesco Graffeohttp://www.belicenews.it

 
 

Tag: , , , , , , , , ,

Segreteria Territoriale Universitaria a S. Margherita

Anche la città di Santa Margherita è sede di segreteria Territoriale Universitaria. Lo ha deciso con un apposito decreto il Rettore dell’ateneo palermitano Roberto Lagalla. Si tratta di una riorganizzazione che interessa diversi comuni della provincia di Palermo, Trapani, Caltanissetta ed Agrigento.

Il provvedimento  “è finalizzato a fornire agli studenti iscritti presso l’Università degli Studi di Palermo, e non residenti nel capoluogo regionale, servizi di assistenza ed informazioni” evidenzia in una nota il Direttore Generale Antonio Valenti. In provincia di Agrigento i comuni individuati per la creazione di una “Segreteria Territoriale di collegamento” sono: il Polo didattico di Agrigento per i comuni di Aragona, Castrofilippo, Comitini, Favara, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle, Racalmuto, Raffadali, Realmonte, Sant’Angelo Muxaro, Sant’Elisabetta e Siculiana. Una segreteria è stata individuata a San Giovanni Gemini che servirà i comuni di Bivona, Cammarata, Casteltermini, San Biagio Platani, Santo Stefano di Quisquina.

La sede di S. Margherita, allocata nei locali del comune, servirà i paesi di Poggioreale, Salaparuta, Montevago e Sambuca di Sicilia.

La segreteria Territoriale di Ribera servirà i paesi di Alessandria della Rocca, Cianciana, Cattolica Eraclea e Montallegro. La sede di Sciacca servirà i comuni di Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Lucca Sicula, e Villafranca Sicula. Infine, alla sede di Licata potranno affluire dai comuni di Camastra, Campobello di Licata, Canicattì, Naro, Palma di Montechiaro e Ravanusa.

Menfi invece fa capo alla segreteria di Castelvetrano.

>  Francesco Graffeohttp://www.belicenews.it

 
 

Tag: , , , , ,

45 milioni per il Belice

COMUNICATO STAMPA  –  Dopo mesi di lavoro, di duro confronto, di riunioni, di concertazione tra Ministeri, Regione Siciliana, Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, è stato approvato ieri, in Commissione Bilancio del Senato un emendamento all’articolo 2 comma 13 del testo della legge di stabilità (legge finanziaria dello Stato), primo firmatario il Sen. A. D’Alì, cofirmatari i Senatori Simona Vicari, Giampiero D’Alia, Salvo Fleres, che assegna ai comuni della Valle del Belìce 35 milioni di euro, che si vanno ad aggiungere ai 10 milioni già votati dalla Camera dei Deputati, a seguito di un emendamento dell’On. G. Marinello.

Somme che, destinate in massima parte al completamento degli interventi di edilizia privata ed in parte ad opere pubbliche, saranno impegnate sul Fondo di Solidarietà e Coesione 2007-2013, per come definito in dettaglio nell’ultimo tavolo di confronto che s’è tenuto a Roma lo scorso 4 ottobre proprio al Ministero della Coesione Territoriale, presente il coordinatore Nicola Catania che – come si legge nel comunicato – ha svolto un approfondito e puntuale lavoro preparatorio, oltre ad una vera e propria azione di mediazione tecnica-politica.  Il Lavoro è poi proseguito nelle aule delle commissioni parlamentari, dove sono stati concertati gli emendamenti in questione, che hanno poi trovato il voto favorevole grazie all’impegno politico della deputazione interessata. “Siamo particolarmente soddisfatti – ha dichiarato Nicola Catania – di essere riusciti ad ottenere questo finanziamento e di aver fatto comprendere in tutte le sedi istituzionali ciò che sosteniamo da anni, relativamente all’ingiustizia e al mancato rispetto dei diritti maturati, che hanno subito le nostre popolazioni; ritengo che sia indispensabile partire da questo risultato per avviare un processo di analisi condivisa che guardi “oltre il terremoto” ed in particolare ad un armonico processo di sviluppo economico delle aree interne del Belice, senza per questo abbandonare le nostre legittime rivendicazioni. Volevo a nome mio personale e dei 21 Sindaci del Belice ringraziare i Parlamentari che da sempre si sono battuti al nostro fianco, primo fra tutti il Sen. A. D’Ali che non ha mai abbandonato il Coordinamento nelle varie fasi, credendo fino in fondo ad una soluzione doverosa da parte dello Stato, estendendo i doverosi ringraziamenti alla Senatrice Simona Vicari, la cui azione politica è stata preziosa nella fase di approvazione, oltre ai Senatori D’Alia, Fleres, all’ On. Marinello, e tutti gli altri Parlamentari Siciliani che si sono sempre interessati.  Sento inoltre il dovere di ringraziare il Presidente del Senato Renato Schifani, che ha seguito personalmente l’iter dell’emendamento fino al suo esito positivo in commissione”.

>  www.belicenews.it – 20/12/20212N

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 dicembre 2012 in Politica e Istituzioni

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Lavoro: opportunità a Partanna

L’IPAB – Boccone del Povero “Riggirello”, rende noto che sono state indette selezioni pubbliche per titoli e prove d’idoneità per la formazione della graduatoria triennale ai sensi dell’art. 49 della legge regionale Novembre del 2004, per l’assunzione a tempo determinato, pieno e/o parziale, di unità lavorative nel seguente profilo professionale:

  • Aiuto cuoco “CAT A” posizione economica iniziale A1 CCNL, comparto regioni-autonomie locali.
  • Ausiliare servizi tutelari “CAT B” posizione economica iniziale B1 CCNL, comparto regioni-autonomie locali.

Per soli Titoli:

  • Ausiliare servizi generali “CAT A” posizione economica iniziale A1 CCNL, comparto regioni-autonomie locali.

Le domande di ammissione dovranno pervenire all’IPAB Boccone del Povero “Riggirello” sito in Via Messina, 4 (Partanna-Tp) entro e non oltre il 15° giorno successivo a quello della pubblicazione all’albo pretorio del Comune di Partanna, solo ed esclusivamente a mezzo raccomandata A.R entro e non oltre il 20 Novembre 2012.
Avvisi e moduli di selezione sono presenti sul sito del Comune di Partanna al seguente indirizzo: http://www.comune.partanna.tp.it/

>  Santo Botta – fonte: Comune di Partanna – http://www.belicenews.it – 06/11/2012

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 novembre 2012 in Lavoro e Opportunità

 

Tag: , , , , ,

Sindaci: “A rischio la tenuta sociale”

Con una cruda missiva l’Anci Sicilia, l’associazione dei comuni, torna ad evidenziare le difficoltà dei Comuni e dei sindaci, costretti a tassare i cittadini in nome e per conto dello Stato, scrivendo stavolta ai Prefetti della Sicilia. I tagli ai trasferimenti statali e regionali hanno reso impossibile governare gli Enti locali: per questo chiedono al Governo interventi straordinari al fine di “mantenere la tenuta sociale”.

Illustrissimi Signori Prefetti,

le SS.LL. conoscono la situazione insostenibile degli Enti Locali Siciliani, l’impossibilità a continuare ad assicurare il minimo dei servizi ad essi delegati ed i rischi conseguenti sul piano della tenuta sociale. La devastante somma dei tagli statali e regionali e l’esigenza, per molte Amministrazioni, di far gravare sulle comunità i consistenti aumenti delle aliquote dell’IMU e dell’IRPEF espongono i Sindaci al rischio di essere avvertiti come occhiuti gabellieri che non tengono conto delle reali condizioni economiche dei cittadini.

Alla luce di questa situazione e delle tante proteste che si stanno manifestando all’interno della Sicilia risulta assolutamente indispensabile che il Governo prenda consapevolezza di una condizione insostenibile. Ciascuno delle SS.LL. è stato sollecitato, nelle diverse Province, da molti Sindaci che hanno trovato ascolto ed attenzione, rendendosi conto di una esasperazione che risulta dalla evidente impossibilità di continuare ad essere nelle diverse realtà locali anche i rappresentanti dello Stato oltre che gli Amministratori delle comunità locali.

L’Anci, a nome di tutti i Sindaci Siciliani, ritiene di potere contare sulla Vostra disponibilità e sulle indiscusse capacità di rappresentare al Governo nazionale l’urgenza e l’indifferibilità di provvedimenti straordinari. Il permanere di questa situazione non consente né il mantenimento della tenuta sociale né la prosecuzione dell’esercizio del mandato sindacale.

>  www.belicenews.it – 04/11/2012

 
 

Tag: , , , , ,