RSS

Archivi categoria: Scienza

Il cervello è capace di creare strutture a 11 dimensioni

Si chiama Blue Brain ed è un progetto, partito nel 2005 su iniziativa del Politecnico di Losanna e della Ibm, per simulare il funzionamento del cervello umano, grazie al quale ora si è riusciti a descrivere l’effettiva e insospettabile architettura alla base delle funzioni cognitive più complesse di questo organo. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 giugno 2017 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , , ,

SuperLuna da record il 14 novembre

superlunaAncora una volta sarà la ”superluna” a dominare il cielo, ma non sarà come le altre. Parliamo della Luna piena del 14 novembre: sarà più grande e molto più luminosa. Una ”super superluna”, a sentire gli astronomi che ne hanno calcolata la distanza. Per la precisione si troverà a 356.511 chilometri (la lontananza media è di oltre 384mila). L’ultima volta che è stata piena e allo stesso tempo così vicina era il 1948. Per ritrovarla così grande in cielo dovremo aspettare il 2034. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 novembre 2016 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Geyser di vapore acqueo su Europa, il satellite candidato ad ospitare la vita

Il telescopio spaziale Hubble ha permesso di scovare pennacchi di vapore acqueo sulla superficie del satellite Europa. E’ la prova che sotto il ghiaccio del quarto corpo celeste che orbita attorno al pianeta Giove ci sarebbe un oceano. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 settembre 2016 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Scoperto un buco nero supergigante dove non dovrebbe esserci

Quando l’hanno trovato, anche gli scienziati sono rimasti sorpresi. Di buchi neri ne sono stati scoperti anche di più massicci, si parla di «mostri» con una massa di oltre 10 miliardi di volte quella del nostro Sole (il record di 21 miliardi di masse solari è detenuto dal buco nero dell’ammasso galattico della Chioma, a 300 milioni di anni luce da noi). Ma si trovano sempre in zone dell’universo molto «affollate», regioni popolate da migliaia di galassie. Che potremmo paragonare a trovare un bar nel centro di una megalopoli: scontato. Trovare un buco nero con una massa di 17 miliardi di volte quella del Sole al centro di una galassia in una regione semivuota, invece è come trovare un caffè nel bel mezzo di un deserto. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 aprile 2016 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Nuovi pianeti

Dal 1995 ad oggi sono stati scoperti più di 2.000 nuovi pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare. La maggioranza di questi è stata individuata dal satellite Kepler che ha investigato 100.000 stelle nella costellazione del Cigno. Da Terra, tramite i radiotelescopi italiani di Medicina e Noto, è stata scoperta l’acqua nell’atmosfera di cinque pianeti il cui sistema planetario risulta circondato da miliardi di comete. Poiché le comete sembrano essere le importatrici dei mattoni della vita (acqua e molecole organiche) in tutti i pianeti della galassia, la ricerca di tali molecole nelle atmosfere degli esopianeti diventa fondamentale per valutare la possibilità che possano ospitare una qualche forma di vita.

> nostro estratto da http://www.ilmessaggero.it/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 aprile 2016 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , ,

Il caso non esiste

roulLa scienza empirica non può dimostrare l’azione del caso, né l’assenza d’intelligenza, in nessun fenomeno naturale. Perché? Perché né l’uno né l’altra sono grandezze misurabili nel Sistema internazionale di unità di misura, taglierebbe corto Galileo Galilei. Per questo basilare motivo, la diatriba “Darwinismo contro Intelligent Design” (reale nei Paesi anglosassoni e inventata in Italia dai darwinisti per evitare il confronto epistemologico) è sul lato scientifico una gigantesca perdita di tempo. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 agosto 2015 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , ,

Ebola: otto cose da sapere sulla nuova epidemia

ebolaPer fare chiarezza riassumiamo qui sotto ciò che è importante sapere sul virus e sulla sua pericolosità.

1.  COS’È IL VIRUS EBOLA E QUALI SONO I SINTOMI?
È un virus estremamente aggressivo, appartenente alla famiglia dei Filoviridae, come il virus Marburg, che causa problemi simili. Ebola provoca una serie complessa e rapidissima di sintomi, dallefebbri emorragiche al dolore ai muscoli e agli arti e numerosi problemi al sistema nervoso centrale.
Nello specifico i sintomi di Ebola sono:  febbre, forte mal di testa, dolore muscolare, diarrea, vomito, dolori addominali ed emorragie inspiegabili.
Il periodo di incubazione (dal momento del contagio all’insorgenza dei primi sintomi) va da 2 a 21 giorni. La morte è fulminante e sopraggiunge nello stesso periodo (2-21 giorni).
Il materiale genetico è RNA, che va incontro a mutazioni non particolarmente rapide e contiene solo sette geni. Sono stati isolati finora cinque ceppi diversi del virus, di cui quattro sono letali per l’uomo. La prima scoperta del virus risale al 1976, in Congo e Sud Sudan. Di solito il virus è molto infettivo e virulento, e quindi se colpisce una o due persone di un villaggio si diffonde con estrema rapidità e “consuma” tutte le persone che colpisce.

Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 ottobre 2014 in Scienza

 

Tag: , , ,