RSS

Archivi categoria: Guerre e terrorismo

Tutti i perché della guerra in Siria

Il casus belli, come in tante situazioni omologhe, è stato una rivolta popolare, poi degenerata. Quanto sia stata reale o quanto creata ad hoc da qualche forza esterna motivata da interessi economico-territoriali probabilmente non lo sapremo mai. Fatto sta che, a sette anni dal suo inizio, il conflitto ha conosciuto varie fasi e la sua intensità, ancora oggi, non accenna a diminuire. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 aprile 2018 in Guerre e terrorismo

 

Tag: , , , , ,

7 anni di guerra in Siria. Il conflitto più disumano raccontato per cifre

Il 15 marzo 2018 ha segnato il settimo anniversario dall’inizio della guerra in Siria. Un conflitto che sembrava terminato alla fine del 2017, quando le forze in campo sembravano giunte ad un accordo per l’avvio di un processo di pace. Si sapeva che i combattimenti non si sarebbero arrestati nelle zone ancora controllate dagli jihadisti dello Stato Islamico. Ed era nota la volontà della Turchia di Recep Tayyip Erdogan di evitare ad ogni costo che i curdi dell’Ygt potessero impadronirsi di un territorio nel nord della Siria. Ciò nonostante, la fine di una guerra devastante sembrava a portata di mano. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

Un nuovo video dell’Isis riconosce l’Italia come bersaglio

Per la prima volta martedì sera lo Stato islamico ha prodotto e messo su internet un video di sedici minuti in cui accusa la politica estera del governo italiano – come in precedenza aveva già fatto contro i governi di Francia, Arabia Saudita, Turchia e America, tutti paesi che sono stati colpiti da attentati. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , ,

Che cosa sta preparando l’Isis contro di noi

Prima di chiederci cosa si possa fare per sconfiggere il terrorismo, domandiamoci cosa i terroristi vogliono fare a noi. Se i luoghi e i momenti dei singoli attentati sono sconosciuti fino all’ultimo e l’effetto sorpresa è essenziale per la loro riuscita, l’Isis ha comunque pubblicato da tempo la sua “grande strategia” per conquistare l’Europa. Anzi, ad essere precisi, per conquistare Roma, come ha già scritto Massimo Introvigne su queste colonne. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , , ,

Nuove minacce Isis: “La Torre Eiffel crollerà”

Gli attentati sferrati venerdì 13 dall’Isis a Parigi e costati la vita a 130 persone «sono solo l’inizio». Tour Eiffel e un aereo dell’Air France: sono questi i prossimi obiettivi dei jihadisti secondo un video diffuso da Aleppo dagli stessi miliziani francofoni su Twitter. Le minacce sono recitate in lingua francese: «Sarà peggio dell’11 settembre». Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 novembre 2015 in Guerre e terrorismo

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Strage a Parigi

bandiera-francia_lutto13 Novembre 2015

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 novembre 2015 in Guerre e terrorismo

 

Tag: , , ,

Soldi, kalashnikov ed esecuzioni: ecco la rete del terrore di Al Qaeda in Italia

foreign fightersAnche Al Qaeda uccide in spiaggia. Non solo d’estate. Poi sotterra le sue vittime nel bresciano e rende omaggio a Allah. “Abbiamo fatto una cosa santa… Dio ci ha donato questa vita per ammazzare”, esulta il capo al telefono coi suoi sathi , gli “affiliati”. In questo caso sono killer alle prese con il cadavere di una ragazza nel cofano dell’auto. “Se esce fuori la salma, se ci fermano in un controllo i carabinieri…”. Read the rest of this entry »

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Almeno capire che ci hanno dichiarato guerra

foreign fightersL’attentato di Copenhagen dopo quello di Parigi, gli uomini del Califfo che avanzano in Libia e minacciano apertamente l’Italia. Bisognava giungere a tanto prima che qualcuno anche da noi si svegliasse e almeno cominciasse a percepire un pericolo prossimo. Ma non illudiamoci: il risveglio sarà lungo e rischia di produrre effetti quando sarà troppo tardi per qualsiasi risposta. Perché la situazione è già gravemente compromessa e non si è arrivati a questo punto per distrazione (il che sarebbe già molto grave per chi è chiamato a guidare dei popoli) ma per deliberata affermazione di ideologie fuorvianti e di assurde politiche strategiche. Come non ricordare la cervellotica ostinazione con cui la Francia si è portata dietro numerosi paesi per eliminare quel Gheddafi che, da mandante di attentati internazionali, si era trasformato in un baluardo contro il jihadismo (e vogliamo ricordare a proposito della guerra alla Libia le responsabilità dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e l’entusiasmo con cui il presidente Napolitano ci spinse a dare man forte alla Francia)? E prima ancora, bisognerebbe ricordare il drammatico errore di prospettiva con cui si è brindato alla cosiddetta “primavera araba”. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 febbraio 2015 in Guerre e terrorismo

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,