RSS

Archivi categoria: Nubifragio 15/10/2012

Lavori al Cimitero di S. Margherita

Un lavoro delicato, eseguito con la massima attenzione da una squadra di operai della Forestale, arrivati sul posto nella mattinata di ieri. Un lavoro che durerà diversi giorni, da svolgere con cautela, per non arrecare ulteriori danni agli arredi ornamentali delle tombe danneggiate dai tronchi. I tronchi degli alberi di cipresso italico, alcuni dei quali di oltre mezzo metro di diametro, vengono tagliati, separati dalle chiome e, con l’intervento degli operai del Comune belicino, rimossi dall’area cimiteriale. Ci vorranno alcuni giorni ed è una corsa contro il tempo per liberare l’area cimiteriale da tutta la vegetazione.

“Si spera di riuscire entro il primo novembre, giorno di Commemorazione dei Defunti, a riaprire ulteriori zone del cimitero monumentale, da una settimana interdetto ai visitatori”, evidenzia il Sindaco Franco Valenti, che aggiunge: “Faremo di tutto, ma sappiamo già che delle difficoltà, al momento insuperabili, si registrano nella parte centrale del cimitero”. E’ questa, infatti, la zona che ha subito danni maggiori. Resterà sicuramente interdetta ai visitatori. In sostanza, si prevede una riapertura parziale del cimitero. Già la zona nord, quella nuova è stata riaperta. Resterà chiusa quella centrale dove si trovano buona parte delle 500 tombe danneggiate. Intanto, è stato attivato con la Protezione Civile regionale l’iter per giungere al riconoscimento dello stato di calamità naturale, mentre non sembra che emergano problemi di carattere igienico sanitario. E’ stato verificato nel corso di un sopralluogo con il dirigente medico dell’Asp Melchiorre Buscarnera. Ieri sera si è svolta una seduta straordinaria del consiglio comunale. Votata all’unanimità la richiesta riguardante la dichiarazione dello stato di calamità naturale per i danni al territorio di Santa Margherita di Belice.

Francesco Graffeowww.teleradiosciacca.it – 23/10/2012

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 ottobre 2012 in Nubifragio 15/10/2012

 

Tag: , , , , , , ,

S. Margherita: le foto del disastro

Abbiamo raccolte diverse Foto che testimoniano i disastri avvenuti a Santa Margherita di Belice la sera di lunedì 15 ottobre 2012. Le abbiamo tratte da varie fonti web e per questo ringraziamo gli autori. Cliccando sul link “Nubifragio a Santa Margherita“, in basso nella colonna a destra, si troveranno foto della città e del cimitero.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 ottobre 2012 in Nubifragio 15/10/2012

 

Tag: , ,

Santa Margherita: i danni del nubifragio

E’ stato richiesto lo stato di calamità naturale per i danni causati dal nubifragio abbattutosi la notte scorsa nel territorio di Santa Margherita di Belice. La furia del vento ha colpito diversi immobili privati, ma anche il patrimonio comunale, come la Villa Gattopardo, il Palazzo del Gattopardo, il Cimitero, le Scuole e l’impianto di depurazione. Si contano i danni anche nelle campagne. E’ stato istituito un apposito servizio presso il comando di Polizia Municipale per le segnalazioni dei cittadini che hanno subìto danni. Lo ha disposto l’amministrazione comunale guidata dal sindaco, Franco Valenti. In quei 20 minuti, erano circa le 22,15, una violentissima tempesta di vento ed acqua si è abbattuta sulla città del Gattopardo. Raffiche che hanno raggiunto quasi i 200 chilometri orari, devastando ogni cosa e mettendo sottosopra la città e l’intero asse viario. Centinaia gli alberi di alto fusto sradicati, tetti scoperchiati, vetrine infrante, danni ad auto rimaste sotto gli alberi. Danni ingenti anche al cimitero dove sono andate distrutte buona parte delle opere decorative, mettendo a rischio la fruibilità per il Primo Novembre prossimo. Per ore chiuse le strade di accesso a Santa Margherita, dal bivio Gulfa, al Bivio Misilbesi. Alberi anche nella strada di accesso alla contrada Cannitello e lungo la via Umberto. Danneggiati diversi opifici agricoli. Al lavoro Vigili del Fuoco, Corpo Forestale, operai del Comune e Carabinieri. Gravemente danneggiato il raccolto delle ficodindie e quello delle olive. In un ristorante, alle porte di Santa Margherita, i 150 avventori presenti per festeggiare un anniversario di matrimonio, si sono dati alla fuga. Danni anche alla villa Gattopardo dove il maltempo ha distrutto alberi secolari, ricchi di storia. Santa Margherita è stato il centro maggiormente colpito, ma si segnalano danni anche in altre aree della provincia.

A Sciacca il vento ha sradicato un centinaio di pannelli fotovoltaici del villaggio Costa Macauda. Altri danni nella stessa struttura. Mentre il vento spazzava ogni cosa, nella tarda serata di lunedì scorso, numerosi automobilisti rimanevano bloccati sulla statale 115, all’altezza di contrada Macauda. Una serie di alberi, infatti, sono stati abbattuti, finendo sula sede stradale. E’ stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Sciacca che hanno operato con le motoseghe. «Ho vissuto momenti molto brutti – commenta Pippo Montalbano, vice presidente nazionale della Cna – perchè ero intrappolato nella mia auto durante un’autentica tempesta e non potevo fare assolutamente nulla».

>  Giuseppe Pantano e Francesco Graffeohttp://www.gds.it – 17/10/2012

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 ottobre 2012 in Nubifragio 15/10/2012

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Nubifragio a Santa Margherita di Belice

La tempesta di vento ed acqua ha davvero fatto male a Santa Margherita di Belice. La forza della tromba d’aria ha distrutto gli stands presenti nella piazza principale, in seguito alla recente conclusione della manifestazione “Ficodindiafest”, ha abbattuto alberi di tutto il paese, ha inondato di pezzi di coperture e detriti la piazza da 2 giorni inaugurata. Numerosissime le chiamate di soccorso pervenute al distaccamento dei Vigili del Fuoco.

Il Sindaco Franco Valenti ha reso ufficialmente noto, tramite il sito istituzionale del comune di Santa Margherita di Belìce, che, a seguito del nubifragio abbattutosi la notte scorsa nel territorio del  Comune di Santa Margherita di Belice, provocando notevoli danni a diversi immobili privati, al patrimonio comunale (Villa Gattopardo, Palazzo del Gattopardo, cimitero, scuole e depuratore) e alle aree rurali causando ingenti danni anche alle coltivazioni, è stato richiesto, agli organi preposti, lo stato di calamità naturale. E’ stato istituito apposito Ufficio presso il Comando di Polizia Municipale per le segnalazioni dei cittadini che hanno subìto danni.

>  Adriano Butera – nostri estratti da http://www.belicenews.it

“APPELLO URGENTE….!!!!!!!’  Cari Amici, ieri sera un violentissimo e distruttivo nubifragio ha colpito Santa Margherita di Belìce, la Città del Gattopardo. Un’ incredibile furia della natura che ha messo in ginocchio l’agricoltura , l’economia e il Patrimonio Storico. CON GRANDE TRISTEZZA E IMMENSO DISPIACERE ANNUNCIO CHE:  È STATA DISTRUTTA PARTE DELLA VILLA FILANGERI DI CUTÒ. La Villa e il Giardino storico dove Giuseppe Tomasi di Lampedusa trascorse gran parte della sua infanzia e luogo di ispirazione del famoso romanzo Il Gattopardo e dei “Racconti d’infanzia”. Tutto ciò rappresenta un vero e proprio disastro per la storia gattopardiana, per la Cultura e la Natura Siciliana. FACCIO UN FORTE APPELLO: ALLA POLITICA REGIONALE SICILIANA, alla POLITICA NAZIONALE, AFFINCHE’ URGENTEMENTE INTERVENGA AD AIUTARCI a Ricostruire questa Storia Rubata e porre rimedio ad una catastrofe Economica, Sociale e Culturale. Tanino Bonifacio, Direttore Parco del Gattopardo, Giuseppe Tomasi di Lampedusa.”

>  estratto da http://www.facebook.com

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 ottobre 2012 in Nubifragio 15/10/2012

 

Tag: , , , , , , , , ,