RSS

Alimenti per bambini: buoni e belli, ma quanto salutari?

18 Ago

A fare un po’ di chiarezza e smascherare credenze diffuse ma sbagliate ci pensa una ricerca scientifica – di Simona Tagliaferri

I messaggi pubblicitari sono efficaci, il packaging attraente, la bontà sembra assicurata. Chi riuscirebbe a resistere ai prodotti alimentari per bambini? Soprattutto quando si tratta di merendine, la golosità ha spesso la meglio.

Ma siamo proprio sicuri che facciano così bene alla salute? Una ricerca pubblicata da PlosOne e messa all’attenzione da Il Fatto Quotidiano apre lo spazio a qualche dubbio. Lo studio denuncia più di un prodotto alimentare a cui avremmo dato l’attributo di “salutare”, senza tanto starci a pensare.

Quali sono i prodotti incriminati? Vediamoli alcuni!

I cereali | Ebbene sì, lo si apprende, non senza un po’ di sorpresa. Abbiamo sempre pensato ai cereali come l’alimento salutare per eccellenza. Quel prodotto che consumiamo a colazione quando non vogliamo “sgarrare”. E invece non è esattamente così, o almeno non sempre. L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ci invita a prestare attenzione alle etichette. Spesso sotto la denominazione di cereali ci sono prodotti che hanno poco di diverso dai biscotti. Contengono, infatti, una grande quantità di zucchero e sale e solo un terzo di fibre. Nessuno può immaginarlo se non da un’attenta lettura di quanto riportato sulla confezione. Anche questa però risulta meno immediata di quanto si possa credere. Spesso, infatti, si trovano scritte che esaltano la presenza di vitamine e ferro. Presenti, certo, ma solo in quantità marginali. In più a catturare l’attenzione dei bambini è ben altro, personaggi buffi e simpatici oggetti in regalo li portano direttamente nel carrello.

Lo Yogurt | Certo non si parla dello yogurt semplice, bianco e senza zucchero che fa sicuramente bene alla salute, bensì di quello che si trova più spesso in commercio. Arricchito da parecchie sostanze non classificabili come salutari. Zucchero e dolcificanti, piccoli biscotti, panna e grassi e quant’altro solleticano il palato, migliorano il gusto ma hanno poco a che fare con il nostro desiderio di dieta sana.

Ed allora cosa fare, se persino i prodotti alimentari per bambini si rivelano una fonte di grassi e zuccheri? Smettere di acquistarli? No, l’importante è adottare le dovute precauzioni, fermarsi qualche secondo più a leggere le etichette e soprattutto alternare questi prodotti con dolci fatti a casa, senza conservanti. Perché sebbene i tempi cambino, la merenda della nonna – pane e marmellata – possibilmente contenente soli zuccheri della frutta – non passa mai.

> https://ilritrattodellasalute.tiscali.it/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 agosto 2020 in Salute e Benessere

 

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: