RSS

Troppi smartphone: cifosi in forte aumento tra i più giovani

06 Set

La cifosi è un disturbo forse non troppo conosciuto ma comunque da non sottovalutare: insorge laddove la colonna vertebrale sviluppi una curvatura innaturale per cui nei casi più gravi, quelli cioè in cui tale curvatura superi un’angolazione di 45°, si inizia a parlare comunemente di gobba.

Quest’ultima patologia presuppone forti ripercussioni per la salute di chi ne soffre, andando a compromettere molto spesso le funzioni respiratorie, cardiovascolari, neurologiche e comportando in generale una qualità di vita fortemente ridotta, soprattutto se a soffrirne sono giovani ancora adolescenti. Un tempo, per evitare problemi alla schiena, i genitori erano soliti seguire il vecchio adagio che voleva il nuoto come sport completo e iscrivevano i figli in piscina, o quantomeno imponevano loro la pratica di sport che potesse giovare al corretto sviluppo dell’organismo: ma che succede in un’epoca in cui i più giovani sembrano interessati più che altro alla realtà virtuale e alle notifiche dei propri alter ego social?

Succede che la cifosi, purtroppo, torna prepotentemente alla ribalta quale patologia che interessa i ragazzi, come affermato nel corso del convegno tenutosi in questi giorni a Milano dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia. L’allarme è lanciato ed è di quelli che fanno rumore: l’incidenza della particolare curvatura tipica della patologia è aumentata nelle nuove generazioni del 700percento negli ultimi 10 anni. Un incremento pazzesco, la cui responsabilità viene addossata, neanche a dirlo, all’utilizzo eccessivo di smartphone, tablet e dispositivi elettronici in genere, che ci impongono errori di postura che possono degenerare col tempo. Dito puntato quindi contro i cosiddetti ‘babysitter elettronici’, ovvero contro la malsana abitudine di calmare e in un certo senso imbambolare i bimbi più vivaci e combinaguai piazzandoli di fronte ad uno schermo.

L’utilizzo di dispositivi elettronici mal si concilia infatti con il mantenimento di una postura corretta ed eretta: così, alla lunga, la schiena si incurva. Nel corso del convegno si è parlato di vera e propria bomba sociale per un problema troppo spesso sottovalutato e che, se preso in tempo, può essere risolto tramite semplice ginnastica, ma che se non colto tempestivamente può comportare dolori intensi e costringere all’utilizzo di un busto correttivo o, nei casi più gravi, all’intervengo chirurgico.

> Paolo Grillandi | IlGiornale.it | https://www.msn.com/

 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: