RSS

Depressione, entro il 2020 sarà la seconda malattia “lavorativa” dopo quelle cardiovascolari

28 Apr

depressMedicina e psicologia sono destinate a rispondere alle nuove sfide cliniche sempre più determinate dal contesto sociale. Per l’Organizzazione mondiale della Sanità non è un caso se negli ultimi anni si sia registrato un notevole aumento di casi di malattie mentali: entro il 2020, i disturbi depressivi rappresenteranno la seconda causa di «disabilità lavorativa», dopo le malattie cardiovascolari.

Già adesso la situazione è drammaticamente peggiorata e la depressione oscura un futuro che, già di suo, luminoso non è. E se prima l’età media di insorgenza della malattia si collocava tra i 20 e i 40 anni, oggi sono in aumento le manifestazioni precoci o tardive, durante l’adolescenza o dopo i 50 anni, con una frequenza maggiore tra le donne. Circa il 20% della popolazione mondiale presenta, sempre secondo l’Oms, un quadro di «umore instabile» da non sottovalutare. La depressione colpisce indistintamente chiunque: 2,6 milioni di persone in Italia, oltre 350 milioni nel mondo. È un disturbo debilitante ma curabile, popolato da momenti di sconforto – non passeggeri, ovviamente – sentimenti di tristezza di diversa gravità, da un senso di inadeguatezza, mancanza di speranza, sensazione di malessere profondo, sensi di colpa e dubbi. Ne soffrivano Virginia Wolf e Adolf Hitler, Cesare Pavese e Joseph Stalin, personaggi diversi, antitetici, vittime illustri del «mal di vivere», tutti accomunati dall’aver combattuto nel corso della vita una battaglia contro se stessi.

Antonella Filippi – http://gds.it/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 aprile 2015 in Salute e Benessere

 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: