RSS

Archivio mensile:novembre 2013

Ell Aziz, profumo di fiore

\\  Riceviamo e pubblichiamo…  >>   

Unesco manifesto web 2

>  www.comeunamarea.eu

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 novembre 2013 in Associazioni

 

Tag: , ,

Cittadinanza: perché chiediamo una riforma

iocometuIl diritto di ogni bambino ad acquisire una cittadinanza è sancito dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (art. 7).

In Italia, la normativa vigente (L. 91/1992) fonda la cittadinanza sul principio dello “ius sanguinis”.  Chi nasce in Italia da genitori stranieri, seppure regolarmente residenti, non è dunque un cittadino italiano, ma titolare di un permesso di soggiorno temporaneo, che deve essere rinnovato fino al compimento dei 18 anni.

Inoltre, in qualsiasi momento il minore può essere privato di questo permesso per ragioni legate alle vicende economiche della sua famiglia, e ritrovarsi espulso dal Paese in cui è nato e cresciuto.

L’UNICEF Italia sollecita una riforma della legge italiana che sia orientata ai principi di non discriminazione e del superiore interesse dell’infanzia, propri della Convenzione ONU.

landing_anci

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 novembre 2013 in Unicef

 

Tag: , , ,

Una «grande Alleanza» per battere la povertà

povertà_300​In Europa solo il nostro Paese – a parte la disastrata Grecia – non ha alcuno strumento di contrasto diretto alla miseria. Ma dal 2005 a oggi la povertà assoluta è raddoppiata: dal 4,1 all’8%, cioè 4 milioni e 814 mila persone. Che non ce la fanno a pagare l’affitto, le bollette, la spesa. I poveri. È per questo che un inedito e amplissimo cartello di grandi realtà associative, del terzo settore, sindacali, e istituzionali ha dato vita all’Alleanza contro la povertà in Italia. Per chiedere al Governo di avviare dal 2014 un Piano nazionale contro la povertà pluriennale. Stanziando almeno 900 milioni per avviare anche in Italia un reddito di inclusione. Senza tirare la solita coperta corta. Ma – ad esempio – tassando le rendite finanziarie.
L’Alleanza contro la Povertà, presentata ieri a Roma, nasce da un’idea del professor Cristiano Gori dell’Università cattolica di Milano, ed è promossa grazie al contributo delle Acli. Il Piano nazionale è in otto punti. Primo: dal 2014 andrà introdotta una misura «non meramente assistenziale ma che sostenga un atteggiamento attivo» dei beneficiari. Da ampliare «il modesto finanziamento» presente nel Piano di stabilità. Secondo: partendo dai più bisognosi tra chi è in povertà assoluta, ogni anno vedrà ampliarsi la platea. L’ultimo anno la misura andrà a regime. Terzo: il criterio progressivo annuale sarà quello di coinvolgere ogni volta chi sta “un pò meno peggio”. Quarto: con la prestazione monetaria andranno erogati servizi per l’inclusione: per l’impiego, contro il disagio psicologico, per esigenze di cura. Quinto: gli strumenti sperimentalmente già in vigore (nuova social card in 12 comuni, carta per l’inclusione sociale in 8 regioni del Sud, carta acquisti tradizionale introdotta dal 2008) confluiranno nella nuova misura reddituale, senza interruzioni del sostegno pubblico. Sesto: l’investimento sulla lotta alla povertà «non può considerarsi in alcun modo sostitutivo del rifinanziamento» dei Fondi per le politiche sociali e per la non autosufficienza. Settimo: senza scartare eventuali contributi europei o privati, la nuova misura dovrà essere finanziata dallo Stato, in quanto livello essenziale di prestazioni sociali. Ottavo: l’efficacia delle proposta è commisurata al pieno coinvolgimento di terzo settore e organizzazioni sociali con le istituzioni, nella programmazione e nella gestione degli interventi

«L’alleanza è aperta all’adesione di altri soggetti che hanno a cuore il tema», sottolinea Gianni Bottalico, presidente delle Acli. Cgil, Cisl e Uil – con Vera Lamonica, Pietro Cerrito e Francesco Maria Gennaro – sottolineano che le risorse vanno trovate responsabilizzando chi ha di più e non togliendole dal welfare per i ceti medio bassi in difficoltà. Cerrito della Cisl parla di «tassazione delle rendite finanziarie, perché a pagare l’intervento sulla povertà dovrà essere chi ha di più e ci continua a lucrare sul disagio». E Pietro Barbieri, portavoce del Forum del terzo settore, ricorda che «l’Italia spende il 10% della media dei Paesi Ue a 15 per il contrasto alla povertà». Ad aderire all’Alleanza sono Acli, Anci, Action Aid, Azione Cattolica, Caritas, Cgil-Cisl-Uil, Cnca, S. Egidio, ConfCooperative, Conferenza Regioni e Province Autonome, S. Vincenzo De Paoli, Consiglio Nazionale Italiano Onlus, Fio-PSD, Banco Alimentare, Terzo Settore, Lega delle Autonomie, Focolari, Save the Children, Jesuit Social Network.

>  Luca Liveraniwww.avvenire.it

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

FederVita Sicilia: Appello dei Giovani della Sicilia all’Unione Europea

gio fvs_agio fvs_b

 

Tag: , , , , ,

Immagine

Il Foglio di Novembre 2013

fog nov13

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 novembre 2013 in Foglio di Atlantide

 

Tag: , ,

Don Gero al Snpg

\\  Riceviamo e pubblichiamo…  >>   

Don GeroCari Amici, nelle scorse settimane, alla fine di settembre, don Mimmo Beneventi ha terminato il suo servizio come aiutante di studio presso il Servizio nazionale per la pastorale giovanile e ha iniziato una nuova avventura rientrando ad Acerenza, sua diocesi di origine. A lui rinnoviamo il grazie per quanto ci ha dato e l’augurio di un buon cammino di vita.

Con gioia vi comunico che è stato nominato il nuovo aiutante di studio presso il SNPG: è don Gero Manganello, della diocesi di Agrigento. Originario della comunità di Palma di Montechiaro, è nato nel 1982. Dopo aver frequentato il seminario della sua diocesi, è stato ordinato prete l’8 marzo 2008. Dopo l’ordinazione è stato viceparroco a Racalmuto e successivamente a San Giovanni Gemini. Dal settembre 2010 è studente a Roma dove ha conseguito la licenza in Pastorale Giovanile. Il suo incarico avrà una durata triennale.

Sono contento di questa possibilità. Don Gero è stato un sostegno e un aiuto anche a Casa Italia durante la scorsa Gmg e porterà ora la sua passione e le sue competenze al servizio di tutti noi. A lui auguro di poter fare un’esperienza bella e significativa per la sua vita di prete e di offrirci quello che potrà: sarà sicuramente molto. Grazie per aver dato la disponibilità a questo incarico.

>  Don Michele Falabretti

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 novembre 2013 in Ecclesia

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Immagine

Negozi amici

orch neg am

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 novembre 2013 in Orchidea 2013

 

Tag: , , , , ,