RSS

Furbizia di coppia

12 Ago

copParlare di furbizia in riferimento a una relazione d’amore sembra un controsenso e invece, a volte, usare un pizzico in più di strategia può giovare al dialogo e alla qualità della storia. Ecco allora le piccole astuzie che possono aiutarci ad andare più d’accordo con lui. A indicarcele è la psicologa e psicoterapeuta Dolores Bracci.

A volte a essere sbagliato non è tanto il messaggio che si vuole far capire, quanto il modo usato per esprimerlo. «E allora una piccola astuzia può essere quella di utilizzare, quando possibile, toni scherzosi ed esprimere il medesimo concetto in maniera ironica» suggerisce Bracci.

Piano con la tendenza a precisare tutto e polemizzare su qualsiasi argomento. «Perché a fare così non si ottiene granché. Anzi, si rischia soprattutto di indispettire il partner e inasprire il clima all’interno della relazione. Suggerisco di palesare a lui il nostro malcontento solo quando è necessario, ossia sui problemi o le situazioni che meritano per davvero attenzione».

È impossibile che due partner vadano d’accordo su tutto. «Il modo più intelligente e stategico di superare momenti di piccoli conflitti è quello di abbandonare posizioni rigide e impegnarsi per trovare un punto di incontro. O, anche, per accontentarsi in maniera alternata».

Partire da un conflitto contingente per poi arrabbiarsi con il partner per mille altre questioni collaterali o persino vecchie e sepolte: sì, capita spesso e il risultato è che ci si attorciglia in discorsi del tutto sterili. «E allora in questi casi la piccola astuzia può essere quella di ricordarsi di rimanere sul problema del momento».

Di fronte a fatti o persone che suscitano la nostra contrarietà è facile cadere in commenti severi o netti, tanto più se la confidenza con il partner è forte. «Ma questo tipo di reazione – spiega Bracci – è controproducente, perché le persone che si esprimono in tono troppo giudicante e saccente non invitano al dialogo e inducono chi le circonda a non aprire proprio certi discorsi ‘pericolosi’, o a non approfondirne altri».

Certi discorsi sono fondamentali e vanno intrapresi il prima possibile. «Nonostante ciò – commenta Bracci – vale sempre la pena di fermarsi un attimo e valutare il momento e il contesto. Intavolare conversazioni serie o spinose quando il partner non è al top del suo umore o delle sue energie, significa parlare con qualcuno meno disposto ad ascoltare, capire e negoziare».

Un’altra piccola furbizia da usare in coppia consiste nel tenere presente che gli uomini, di fronte a un problema, non amano perdersi in chiacchiere: preferiscono concentrarsi sulla soluzione. «E ricordare questo può aiutare sia a non prendersela se il partner taglia corto di fronte alle nostre lamentele».

Pensare a quello che il partner sbaglia o non fa è semplice e altrettanto facile è la tendenza a rimarcarlo a lui. «Invece la scelta più astuta per fare in modo che il compagno capisca come regolarsi, sarebbe quella di girare la questione su ciò che ci fa piacere ed esternare a lui il nostro entusiasmo quando ci sentiamo soddisfatte o appagate».

Attenzione a dire di sì al partner quando in realtà vorremmo dirgli di no e viceversa. «Se decidiamo di accettare o rifiutare qualcosa, dobbiamo poi fare in modo di comportarci di conseguenza, in modo da evitare contraddizioni tra quello che abbiamo detto e quello che stiamo facendo».

>  www.msn.com

 
 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: