RSS

Archivio mensile:aprile 2013

Giovaninfesta a Sambuca di Sicilia

logoGiF13Carissimi giovani, anche quest’anno, con immensa gioia, vi accogliamo al nostro raduno annuale del Giovaninfesta che ci aiuterà a riflettere sul tema scelto e propostoci dagli stessi ragazzi sambucesi: “SE HAI FEDE, PUOI..!.”; ascolteremo ripetutamente l’inno del Giovaninfesta da loro composto; vivremo i vari momenti della giornata da loro organizzati e diversi ospiti ci parleranno, in riferimento allo slogan, su diversi temi. Lo slogan che vi proponiamo, mira a riscoprire la gioia dell’incontro con Dio. Egli vuole renderci partecipi della sua gioia, divina ed eterna, facendoci scoprire che il valore e il senso profondo della nostra vita sta nell’essere accettato, accolto e amato da Lui, e non con un’accoglienza fragile come può essere quella umana, ma con un’accoglienza incondizionata come è quella divina: io sono voluto, ho un posto nel mondo e nella storia, sono amato personalmente da Dio. E se Dio mi accetta, mi ama e io ne divento sicuro, so in modo chiaro e certo che è bene che io ci sia, che esista. “Puoi” significa allora, accendere sete e nostalgia di Dio, poiché quando s’incontra, si diviene testimoni di quella gioia che invaso la nostra esistenza. Non si può essere felici se gli altri non lo sono: la gioia quindi deve essere condivisa, andando a raccontare agli altri la nostra gioia di aver trovato quel tesoro prezioso che è Gesù stesso. Non possiamo tenere per noi la gioia della fede: perché essa possa restare in noi, dobbiamo trasmetterla. “Puoi” significa avere fiducia nelle nostre capacità di trasformazione e di guarigione: gli occhi diventano brillanti e i passi fiduciosi. “Puoi” significa che l’energia della fede può renderci molto felici; se invece non abbiamo fede, se non abbiamo quest’energia della fiducia, soffriamo.

Anche quest’anno i protagonisti del Giovaninfesta sarete VOI, con la vostra giovinezza, il vostro entusiasmo, la voglia di divertirvi e crescere nel Signore Gesù. Perché anche questa edizione riesca nel miglior modo possibile vi chiediamo dunque collaborazione e responsabilità, inviandoci in tempo utile le iscrizioni al nostro Ufficio Diocesano: in questo modo contribuirete all’organizzazione di una giornata speciale e vi assicurerà i gadgets che, altrimenti, non potrebbero bastare.

Grazie per la vostra presenza e buon Giovaninfesta! Vi aspettiamo numerosi…! Passate parolaaaa!!!

don Luca Restivo e l’équipe di Pastorale Giovanile

Il programma della manifestazione:
– ore 8:00 arrivi, accoglienza in Corso Umberto I e colazione
– ore 9:30 preghiera mattutina e saluti iniziali delle autorità
– ore 10:00 animazione musicale
– ore 10:15 I° intervento ospite Giacomo Celentano
– ore 10:45 animazione musicale
– ore 11:00 II° intervento ospite Giusy Puglisi
– ore 11:15 animazione musicale
– ore 11:30 III° intervento ospite Maurizio Bonomo
– ore 11:45 animazione musicale
– ore 12:15 IV° intervento ospite Mara Santangelo
– ore 12:30 pranzo libero
– ore 13:30 animazione musicale con Fra Mario deejay
– ore 14:30 Inaugurazione e apertura del Village Fidei (Villaggio della fede) presso il centro storico
– ore 17:30 chiusura del Villaggio
– ore 18:00 S. Messa presieduta dall’Arcivescovo
– ore 19:30 concerto-testimonianza di Giacomo Celentano
– ore 20:00 fine della giornata e saluti
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 aprile 2013 in Eventi ecclesiali

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

La cultura è per tutti

Riceviamo e pubblichiamo >>>

LocandinaCulturaL’associazione politico-culturale La Nuova Primavera organizza il giorno Sabato 27 Aprile 2013 dalle ore 18 alle ore 24 in piazza Angelo Scandaliato. l’evento “La cultura è per tutti”.

Si tratta di una manifestazione di promozione della cultura durante la quale verranno distribuiti libri ai passanti, allo scopo di sensibilizzarli e favorire l’approccio alla cultura ed in particolare alla lettura quale fonte di conoscenza e formazione del proprio bagaglio culturale. La Nuova Primavera infatti ritiene che sia doveroso ribadire il concetto che la formazione del cittadino non può prescindere dall’essere inquadrata in un background culturale quanto più vasto possibile, poiché questo si rifletterà sulle scelte che egli compirà durante la sua vita.

Oltre alla distribuzione dei libri, che si protrarrà durante l’intera durata della manifestazione, l’evento “La cultura è per tutti” sarà caratterizzato da tre momenti significativi:

  • Ore 18: realizzazione di un videoclip a tema in piazza Angelo Scandaliato
  • Ore 19: omaggio di un libro ai clienti del bar Florio che consumeranno l’aperitivo
  • Ore 20.30: La Nuova Primavera incontra l’agorà.

Tutta la cittadinanza e gli organi di stampa sono invitati a partecipare.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 aprile 2013 in Associazioni

 

Tag: , , , , , ,

Sognare cose grandi!

A voi, che siete all’inizio del cammino della vita, chiedo: Avete pensato ai talenti che Dio vi ha dato? Avete pensato a come potete metterli a servizio degli altri? Non sotterrate i talenti! Scommettete su ideali grandi, quegli ideali che allargano il cuore, quegli ideali di servizio che renderanno fecondi i vostri talenti. La vita non ci è data perché la conserviamo gelosamente per noi stessi, ma ci è data perché la doniamo. Cari giovani, abbiate un animo grande! Non abbiate paura di sognare cose grandi!

Papa Francesco – 24/04/2013

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 aprile 2013 in Luci

 

Tag: , , , ,

Giovinezza

La giovinezza bisogna metterla in gioco per i grandi ideali.

Papa Francesco – 21/04/2013

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 aprile 2013 in Luci

 

Tag: , ,

Allarme sociale: un milione di famiglie senza redditi da lavoro

carrello_spesaQuasi un milione di famiglie è senza reddito da lavoro. Tutti i componenti “attivi” che partecipano al mercato del lavoro sono disoccupati. E’ quanto emerge da dati Istat sul 2012. Nel dettaglio sono 955 mila le famiglie con tutti i membri appartenenti alle forze lavoro in cerca di occupazione, in rialzo del 32,3% sul 2011. In un solo anno le famiglie “senza lavoro” sono aumentate di 233 mila. Ed ecco come sono ripartite: 234 mila single, 183 mila monogenitore, 74 mila coppie senza figli e 419 mila coppie con “prole” a cui se ne aggiungono 45 mila che l’Istat definisce di ”altre tipologie”. A livello territoriale oltre la metà (51,8%), 495 mila, si trova nel Mezzogiorno, seguono il Nord (303 mila) e il Centro (157 mila). In generale si tratta di famiglie con seri problemi di disoccupazione e quindi di disagio economico. Case dove non c’è alcun reddito, o ci sono entrate che pero’ non arrivano dal lavoro dipendente o autonomo, come possono essere le rendite da pensione.
Un milione di famiglie senza reddito da lavoro – In altre parole nuclei dove regna la disoccupazione assoluta, tutti sono a caccia di un posto, o dove alla disoccupazione magari si associa la pensione o un’altra rendita. Ad esempio può essere il caso di una famiglia dove il padre è pensionato, la madre casalinga con uno o più figli disoccupati; o dove uno o entrambi i genitori sono alla ricerca di un impiego e i figli ancora piccoli vanno a scuola; o ancora tutti i membri soffrono la mancanza di un posto. Non si esclude ci possa essere qualche caso più fortunato di chi può permettersi di vivere senza lavorare, contando su rendite immobiliari o da capitale, i cosiddetti rentier. Ma con tutta probabilità, non è la condizione che associa questo milione di casi. Un numero lievitato durante gli anni di crisi. Basti pensare che nel 2007 le famiglie che corrispondevano all’identikit di nuclei con tutte le forze lavoro in cerca di occupazione erano solo 466 mila. Ecco che in cinque anni la loro cifra e’ piu’ che raddoppiata (+104,9%).
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 aprile 2013 in La grande Crisi

 

Tag: , , , , ,

Leoni Sicani vs Vitersport Viterbo

Riceviamo e pubblichiamo:

LS vs VS

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 aprile 2013 in Wheelchair Hockey

 

Tag: , , , , ,

Campogiovani 2013

Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2013 di Campogiovani. Da giugno a settembre 2013, il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale organizza la quinta edizione del progetto in collaborazione con i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, le Capitanerie di Porto e la Croce Rossa Italiana.

ATTENZIONE:  Al fine di garantire una diffusa partecipazione dei giovani alle iniziative organizzate in collaborazione con le citate Amministrazioni, ogni richiedente potrà presentare, a pena di esclusione da tutte le iniziative, una SOLA domanda per la partecipazione a “Campo Giovani 2013”, a scelta tra “Vigili del Fuoco”, “Guardia Costiera”, “Croce Rossa” e “Marina Militare”. Pertanto la presenza di più domande di partecipazione comporterà l’inammissibilità delle stesse.

Campogiovani è un progetto del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale  destinato a ragazzi e ragazze residenti in Italia, di età compresa tra i 14 ed i 22 anni compiuti alla data di compilazione della domanda, che frequentino istituti scolastici superiori o siano iscritti ai primi anni del ciclo universitario. La graduatoria di coloro che potranno prendere parte ai campi estivi si forma in base a criteri di merito scolastico e, in caso di parità all’anzianità del richiedente e all’Isee più basso che sarà richiesto in caso di necessità. I corsi sono tutti gratuiti e hanno una durata minima settimanale, ma variano a seconda dell’istituzione presso cui si svolgono. Campogiovani vuol dire una settimana da protagonisti in difesa dell’ambiente, in aiuto alla popolazione, al servizio dell’Italia. Una settimana per apprendere nozioni utili, fare amicizia, conoscere persone straordinarie, scoprire attitudini e soddisfare la propria voglia di impegno civile.

Per ogni utile informazione è possibile inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica campogiovani@governo.it

>  http://www.gioventu.gov.it

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Con i giovani, oltre la crisi

Guardare al futuro, coltivare la speranza, spendersi con generosità è proprio dei giovani. Nei momenti più difficili della storia, dalle nuove generazioni è venuto sempre un contributo decisivo per andare oltre le criticità, i conflitti e i fallimenti. Nell’attuale crisi, che ha radici antropologiche e non solo economiche, le nuove generazioni rischiano di pagare il prezzo più alto perché su di loro si riversano maggiormente le incertezze che segnano la nostra epoca. L’affievolirsi dei legami familiari, il frantumarsi del tessuto sociale, le difficoltà crescenti nell’accesso al lavoro e nella formazione di una famiglia, stanno determinando, soprattutto nei giovani, un diffuso senso di smarrimento e di disagio.

Mettersi al loro fianco in questo momento richiede un grande impegno di conoscenza e di condivisione sia delle loro aspettative che delle difficoltà che stanno affrontando. Se da sempre questa è la missione dell’Università Cattolica, oggi lo diventa ancora di più perché l’amore verso le nuove generazioni esige di aiutarli a crescere su basi solide, a sviluppare fiducia e consapevolezza nel proprio valore, a trovare la strada per mettere a frutto i propri talenti. Siamo mossi dalla certezza che nonostante le difficoltà «è presente nei giovani una grande sete di significato, di verità e di amore» (Conferenza episcopale italiana, Educare alla vita buona del Vangelo, n. 32).

«La crisi ci obbliga a riprogettare il nostro cammino – afferma Benedetto XVI nell’enciclica “Caritas in Veritate” –, a darci nuove regole e a trovare nuove forme di impegno, a puntare sulle esperienze positive e a rigettare quelle negative. La crisi diventa così occasione di discernimento e di nuova progettualità. In questa chiave, fiduciosa piuttosto che rassegnata, conviene affrontare le difficoltà del momento presente» (n. 21).

«La comunità cristiana si rivolge ai giovani con speranza: li cerca, li conosce e li stima; propone loro un cammino di crescita significativo. I loro educatori devono essere ricchi di umanità, maestri, testimoni e compagni di strada, disposti a incontrarli là dove sono, ad ascoltarli, a ridestare le domande sul senso della vita e sul loro futuro, a sfidarli nel prendere sul serio la proposta cristiana, facendone esperienza nella comunità» (Educare alla vita buona del Vangelo, n. 32).

>  estratto dal Messaggio della Cei per l’89^ Giornata dell’Università Cattolica del Sacro Cuore che si celebra Domenica 14 aprile 2013

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 aprile 2013 in Ecclesia

 

Tag: , , , , , , , , , , ,