RSS

Archivio mensile:maggio 2012

Comuni, mancano i Piani di Protezione Civile

      Su quarantadue comuni della provincia di Agrigento, solo 14 possiedono ad oggi un piano di Protezione civile comunale. Sono questi i dati implacabili che delineano l’impreparazione delle nostre realtà locali ad eventi calamitosi di varia natura, sebbene, nei giorni del sisma in Emilia, il pensiero corre inevitabilmente al terremoto. Preoccupazione se si vuole anche fondata, dato che, stando ai dati della Protezione civile nazionale, la nostra provincia è individuata con aree di rischio elevato come Menfi, Santa Margherita Belice e Montevago (le prime due sprovviste del piano di protezione civile comunale), sebbene anche Agrigento sia classificata come zona 2, ovvero con possibilità di terremoti di forte intensità, così come innumerevoli centri della provincia come Aragona, Cammarata, Casteltermini, Montallegro e Sciacca. Una situazione sulla carta potenzialmente peggiore di quella Emiliana alla quale però non siamo sufficentemente preparati. “Da tempo ormai la Protezione civile, il Comando dei vigili del fuoco e la Prefettura hanno espresso la propria preoccupazione ai Comuni – spiega il dirigente provinciale della Protezione civile Maurizio Costa – impegnandoci anche ad offrire formazione e tutti gli strumenti necessari affinché gli amministratori fossero messi in condizione di intervenire in tal senso, sebbene ad oggi si registrino ancora pesantissimi ritardi”.

      E se tra i grandi centri gli unici forniti di un piano di protezione civile sono Sciacca e Licata, Agrigento ha ad oggi uno strumento in fase di redazione, che deve essere votato dal Consiglio comunale. Assenti anche i piani speditivi, la risorsa essenziale per affrontare situazioni di emergenza individuando zone di attesa, funzioni di supporto e compiti, nonostante la Protezione civile abbia inviato delle schede base per agevolare la compilazione. “Nelle prime ore è essenziale capire chi fa cosa – dichiara Costa – e le amministrazioni locali hanno il compito di dare supporto alla Protezione civile. I sindaci dimenticano di rappresentare la prima autorità in questi casi. Stiamo attendendo ad oggi che vengano assolti obblighi come quello di redigere il censimento delle strutture rilevanti, nonostante abbiamo fatto diffide e chiesto alla Regione di agire con forza nei confronti dei sindaci ritardatari”. Eppure, lo Stato consentirebbe di accedere a bandi specifici per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e la Regione, dal canto suo, garantisce finanziamenti anche ai privati per l’adeguamento statico. “Spesso dai Comuni rispondono che la loro azione amministrativa è rallentata dai bisogni economici e sociali del territorio – spiega ancora Costa – ma vorrei chiedere: non sarebbe il caso di pensare alle potenziali vittime?”.

>  fonte: redazione – www.agrigentonotizie.it – 31/05/2012 

 
 

Tag: , , ,

Arte & Dintorni a Menfi

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 maggio 2012 in Associazioni

 

Tag: , , , , , , ,

La Famiglia: il Lavoro e la Festa

VII° Incontro Mondiale delle Famiglie
Milano – dal 30 maggio al 3 Giugno 2012

Le reti RAI manderanno in onda i seguenti servizi:
sabato 2 giugno alle ore 20.30 partirà la diretta su RAI UNO fino alle 22.30 – Il Papa risponderà alle domande delle famiglie. A conclusione i genitori della Beata Chiara Luce Badano e altre famiglie leggeranno una dichiarazione sulla famiglia che sogniamo.

RAI UNO sabato ore 17.00 – A sua Immagine;
RAI DUE sabato ore 10.45 – Sulla via di Damasco:
RAI UNO Domenica ore 9.45 – Santa Messa celebrata da Benedetto XVI

>  fonte: www.diocesiag.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 maggio 2012 in Ecclesia

 

Tag: , , , , , , ,

Cariting 2012: cantieri di carità

Cariting: cantieri di carità
28 maggio – 1 giugno
Seminario Arcivescovile di Agrigento
 
28 maggio
Seminario Arcivescovile – Aula Magna
17.00 Convegno: “Giustizia e Pace si baceranno: la carità come strumento di liberazione
Indirizzi di saluto: Valerio Landri, Direttore Caritas Diocesana Agrigento
Relazioneranno:
don Francesco Soddu, Direttore Caritas Italiana
Mons. Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento
Modererà: Alfonso Cacciatore, giornalista
19.30 Aperitivo con i prodotti di LIBERATerra ed il servizio dei ragazzi del Centro pastorale Diversamente
 
29 maggio
10.00 La Caritas fra i banchi di scuola: laboratori con i bambini delle scuole
 
30 maggio
10.00 La Caritas fra i banchi di scuola: laboratori con i bambini delle scuole
Seminario Arcivescovile
17.00 Laboratori per operatori del terzo settore:
1. Il fenomeno della tratta: a cura di Sr. Valeria Gandini – Suora Comboniana
2. Lotta al Sovraindebitamento: a cura di Alfonso Scanio – Presidente Adiconsum Agrigento
3. Nuovi stili di vita e Consumo critico: a cura di Missio Giovani Agrigento
4. Giovani e volontariato: a cura di  Annalisa Spadaro – AGESCI – Formazione Capi Reg. Sicilia
 
31 maggio
10.00 La Caritas fra i banchi di scuola: laboratori con i bambini delle scuole.
16.00 Parrocchia S. Lorenzo – Monserrato – Agrigento:
Laboratorio: “Sport e diversabilità”: a cura di Giuseppe Sanfilippo
18.00 S. Messa con l’Arcivescovo Mons. Francesco Montenegro
19.30 Spettacolo “Uniamo il mondo con la danza” offerto dal Centro di Riabilitazione Neuropsicomotoria  – Villa San Giuseppe – Ass. Casa Famiglia Rosetta
 
1 giugno
Seminario Arcivescovile – Agrigento
19.00 Proiezione del film: Mare chiuso – di Andrea Segre.
Dibattito moderato da Marilisa Della Monica, giornalista
20.30 Concerto ed aperitivo con i Prodotti di Libera Terra
 
Con il Patrocinio di:
–    Ministero per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione    
–    Caritas Italiana
–    Ufficio X Ambito Territoriale per la Provincia di Agrigento
–    LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le Mafie.
–    L’Amico del Popolo
–    Banco di Credito Cooperativo Agrigentino
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 maggio 2012 in Caritas

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

L’acqua non si vende

 
 

Tag: , ,

Università di Palermo: tutte le Facoltà a numero chiuso

Iscrizioni all’Università, quiz per tutti. Le due ultime facoltà rimaste ad accesso libero – Giurisprudenza ed Agraria – si arrendono al numero chiuso, causa carenza di docenti, e da quest’anno sarà accesso programmato in tutti i corsi di studio del primo livello della formazione. Lo ha deciso l’altro ieri il Nucleo di valutazione dell’Ateneo presieduto dal professor Gaetano Dattolo e il Senato Accademico approverà la scelta nella seduta di lunedì prossimo. Una decisione da taglio e contenimento che riduce i posti a Giurisprudenza. E se erano 1624 gli iscritti nel 2011, nel 2012 saranno124 in meno: 1000 a Palermo, 250 a Trapani e 250 ad Agrigento. Nel 2012 si applicherà dunque il respingimento selettivo in tutto l’Ateneo. La legge del «solo uno su tre» l’anno scorso ha visto 27.000 partecipanti ai quiz e 9.000 posti in palio. Ma va anche detto che fra i 27.000 partecipanti molti si erano iscritti a due o tre corsi di laurea. Posti tagliati non solo per mancanza di docenti, ma anche per razionalizzare l’offerta formativa. Lo spiega il Delegato del rettore alla Didattica, professor Vito Ferro: «Per portare a compimento il percorso di razionalizzazione che ha già ridotto da 172 a 125 i corsi di laurea. Oggi la nostra offerta formativa prevede 125 lauree di vario tipo, sono disponibili 9100 posti per il primo livello della formazione ai quali si aggiungono 800 posti per le lauree magistrali a numero programmato, si stimano 1500-2000 candidati per le lauree ad accesso libero. In definitiva – prevede Vito Ferro – l’ateneo di Palermo iscriverà quest’anno da 11.000 a 12.000 nuovi studenti». Questi i grandi numeri del nuovo ingresso «tutti per concorso» nell’Università di Palermo che blinda le ultime due facoltà. Costretta anche da «limitate risorse della docenza: il calo del numero dei professori in servizio, a seguito dei pensionamenti, ci impone di ridurre il numero dei corsi di studio; operazione che è stata condotta garantendo una adeguata diversificazione e utilizzando le risorse umane disponibili, per innalzare al massimo il numero degli studenti immatricolabili». Sono sei in Italia le facoltà di Giurisprudenza che applicano l’iscrizione per concorso, Calabria, Catanzaro, Pisa, Trento, Roma 3, Catania, e ora la settima – Palermo – con uno sbarramento che mette argine all’eccessivo numero di laureati siciliani.

> Delia Parrinello – 23/05/2012 – www.gds.it

 
 

Tag: , , , , , , ,

Il ventennale di Capaci

Ricorre oggi il ventennale della Strage di Capaci, l’attentato mafioso in cui il 23 maggio del 1992 sull’autostrada restarono uccisi il giudice Giovanne Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Oggi, per Palermo e per l’Italia intera, è il giorno del ricordo. Tante le celebrazioni organizzate. Alle quali parteciperanno oltre 20 mila persone tra cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il presidente del Consiglio Mario Monti e diversi ministri.

 

Tag: , , , , , , , , ,