RSS

21 Marzo: Giornata contro le discriminazioni razziali

21 Mar

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali, l’UNICEF Italia ribadisce l’uguaglianza dei diritti e l’eliminazione delle discriminazioni per tutti i bambini e gli adolescenti di origine straniera che vivono, crescono, studiano, in Italia.

Secondo indagine commissionata dall’UNICEF, che ha coinvolto 518 adolescenti di cui 118 di origine straniera, è emerso che il 22.2%  del campione degli adolescenti di origine straniera ha subito in prima persona manifestazioni di razzismo. Inoltre, per entrambi i campioni di adolescenti il razzismo non è espresso solamente attraverso manifestazioni violente, ma in primis tramite rifiuto o emarginazione (44.4% dei ragazzi di origine straniera e 43.0% degli italiani). Recentemente, anche il Comitato ONU contro le discriminazioni razziali ha richiamato l’Italia a garantire pari protezioni legislative contro le discriminazioni razziali sia ai cittadini che ai non cittadini. Il diffondersi di comportamenti discriminatori nei confronti di bambini e adolescenti di origine straniera, sta comportando un grave rischio di esclusione sociale. L’indagine sopra citata restituisce anche un ulteriore spunto di riflessione rispetto alla condizione di molti minori di origine straniera.

7 adolescenti su 10, sia italiani che di origine straniera, non sono a conoscenza delle attuali procedure per l’acquisizione della cittadinanza italiana, percentuale che non sale se la domanda viene posta al target adulto (solo il 36.8% afferma di conoscere la legge in merito). La maggior parte degli adolescenti italiani (67%) e la quasi totalità di quelli di origine straniera (91.7%) sarebbero però d’accordo nel concederla per diritto a chiunque nasca in Italia e la stessa cosa vale per il target adulto (76.9%). Attualmente secondo la legge n.91/1992, che disciplina la materia, il minorenne che nasce in Italia da genitori residenti e non cittadini diviene titolare di permesso di soggiorno temporaneo (che deve essere rinnovato dai familiari fino alla maggiore età) al compimento del diciottesimo anno, allorché ha un anno di tempo per fare richiesta della cittadinanza italiana, dimostrando di aver vissuto con continuità sul territorio dello Stato. Tale disciplina appare ormai inadeguata in un Paese in cui il numero di minorenni residenti di origine straniera sfiora il milione e in cui sono 650.000 i bambini nati in Italia da genitori non cittadini.

L’UNICEF Italia attraverso la Campagna Io come Tu, anche in occasione di questa ricorrenza, sollecita una riforma della legge 91/1992 e auspica che tale riforma sia orientata ai principi di superiore interesse del minorenne e di non discriminazione alla base della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 marzo 2012 in Unicef

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: