RSS

Archivio mensile:settembre 2011

Orchidea 2011

PIAZZA LIBERTA’ – SANTA MARGHERITA DI BELICE

AGGREGAZIONE  GIOVANILE  ATLANTIDE

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 settembre 2011 in Unicef

 

Tag: , ,

L’Aggregazione compie 5 anni

Nell’ultima settimana di ottobre 2011, con quanti vorranno partecipare, l’Aggregazione e tutta la sua Organizzazione, condivideranno un’esperienza di festa e di amicizia insieme. Faremo “memoria” della nostra storia, cercheremo di comprendere meglio il nostro presente, daremo maggiore forza e visibilità al nostro impegno nel tempo che ci attende. Festeggeremo e celebreremo. Renderemo grazie per tutto ciò che abbiamo gratuitamente ricevuto e svilupperemo nuove modalità operative per costruire una presenza più efficace sul territorio.

 

Le sigarette bruciano la memoria

Fumare riduce la memoria quotidiana di circa un terzo. Per recuperarla, fortunatamente, basta perdere il vizio. La scoperta, pubblicata da “Drug and Alcohol Dependence”, è frutto della prima ricerca sugli effetti delle sigarette sulle capacità mnemoniche, condotta dagli studiosi del “Drug and Alcohol Research Group” coordinati da Tom Heffernan della Northumbria University di Newcastle (Regno Unito). “Sapevamo già che abbandonare il vizio ha enormi effetti benefici per l’organismo – spiega Heffernan – ma questo studio dimostra che smettere di fumare può essere positivo anche per le funzioni cognitive”.

I ricercatori hanno coinvolto più di 70 giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni in un tour del campus universitario chiedendo loro, in un secondo momento, di ricordare alcuni dettagli della giornata. Dall’analisi delle risposte ottenute è emerso che mentre chi non aveva mai fumato una sigaretta riusciva a ricordare correttamente l’81% dei particolari, i fumatori ne avevano memorizzati solo il 54%. Tuttavia, chi aveva smesso di fumare aveva capacità mnemoniche simili a quelle dei non fumatori, ed era in grado di ricordare il 74% dei dettagli. Ora i ricercatori intendono verificare se il fumo passivo e “di terza mano” – ossia le tossine depositate su tende e mobili – abbiano lo stesso effetto.

fonte:  www.tiscali.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2011 in Mondo giovanile

 

Tag: , , ,

Al via la beatificazione del giudice Rosario Livatino

E’ stata scelta la data del suo martirio – il giorno in cui fu braccato e ucciso dalla mafia, 21 anni fa – per avviare il processo diocesano di beatificazione e canonizzazione del servo di Dio ROSARIO LIVATINO, mite e inflessibile magistrato. Lo ha deciso l’arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro, che ha accolto l’istanza presentata dal postulatore, don Giuseppe Livatino, e che oggi ha presieduto il solenne pontificale di avvìo del processo diocesano di canonizzazione. Nella seduta pubblica che si è celebrata nella chiesa San Domenico a Canicattì, la parrocchia di Rosario Livatino, tutti i componenti del Tribunale hanno giurato di agire sempre e comunque per il bene della Chiesa e firmeranno i verbali di apertura ufficiale dinanzi all’arcivescovo. La prossima tappa sarà lo studio dei testi indicati dal postulatore e di tutti gli scritti editi e inediti del servo di Dio (le due conferenze pubbliche, le agendine, le lettere). Impossibile stabilire i tempi tecnici di durata di questa prima fase diocesana, conclusa la quale tutti i fascicoli saranno trasmessi alla Congregazione per le Cause dei Santi, a Roma, per la valutazione finale circa l’eroicità delle virtù del giudice che già Giovanni Paolo II° definì “martire della giustizia e indirettamente della fede”.

fonte: avvenire.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 settembre 2011 in Ecclesia

 

Tag: , , ,

Atlantide & Unicef …in piazza

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 settembre 2011 in Unicef

 

Tag: ,

Avere, sembrare o,… essere?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 settembre 2011 in Incontri

 

Riunione Fai Cisl

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 settembre 2011 in Attualità e Cultura

 

Tag: , , ,

Emozioni ed attività

Anche quest’anno si è svolto il Be Happy!, pieno di emozioni e tante attività. A differenza degli scorsi anni si è svolto in due serate, domenica e lunedì. La domenica pomeriggio è stata dedicata ai bambini, facendoli divertire con l’animazione dei nostri ragazzi. La sera, dopo l’Happy Hour ed altri spazi culturali, è cominciata la musica da sballo con i vari Dj! La Festa si è conclusa nel migliore dei modi. Nella serata del lunedì, i sorteggi delle ricariche telefoniche, l’esibizione live di vari gruppi musicali e tanto divertimento. Quest’anno il Be Happy! è stato emozionante ed il prossimo anno lo sarà ancora di più!!! Viva l’Aggregazione!

>  Valeria Morreale

 

Tag: , , ,

Ogni cosa ha il suo tempo

Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.  C’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.  Un tempo per uccidere e un tempo per guarire, un tempo per demolire e un tempo per costruire.  Un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per gemere e un tempo per danzare.  Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli, un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.  Un tempo per cercare e un tempo per perdere, un tempo per serbare e un tempo per buttar via.  Un tempo per stracciare e un tempo per cucire, un tempo per tacere e un tempo per parlare.  Un tempo per amare e un tempo per odiare, un tempo per la guerra e un tempo per la pace.

Qoelet 3,1-8

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 settembre 2011 in Riflessioni

 

Tag:

Risate e riflessione

Il tempo passa e i modi di vivere cambiano, eppure le problematiche sociali rimangono le stesse, seppur affrontate in maniera diversa. La brillante commedia “La Zitata” è proprio la messa in scena di una realtà sociale che apparentemente sembra essere lontana da noi. Si viene coinvolti in un vortice di simpatiche risate che… poi… soli nel ripercorrere con la mente certe immagini, certe frasi, ecco che subentra in noi la, inizialmente lontana, riflessione…

Tipica delle commedie siciliane è la storia che nasce dal malinteso: don Agostino Piticò (e vogliamo sottolineare l’accento sulla “o”, essendone lui molto geloso), intento a cercar marito alle sue figlie, oramai donne, per paura che queste possano “arristàri schette” decide di affidarsi all’antica figura del “messaggero”, ma, ahimè,… all’appuntamento, il nostro tramite viene anticipato dalla visita di un funzionario del Ministero delle Finanze. E così, il don Agostino Piticò, preso d’eccitazione e contentezza, saltando la fase delle presentazioni, ecco che comincia a dar sfoggio delle proprie proprietà! Insomma… vuole il “meglio” per le proprie figlie!!! E così, il funzionario Sanguisuga determina, basandosi sulle dichiarazioni appena rilasciate, un ammontare di tasse, facente capo al Piticò, da capogiro. I momenti di panico per Piticò sono amplificati dall’immancabile presenza della tipica moglie siciliana: in apparenza sottomessa al marito, ma che nella realtà è proprio lei che dirige l’orchestra! Il finale è inaspettato e soprattutto di grande insegnamento.

Spesso, è proprio l’ironia che fa da tramite per la crescita, ci ammalia con il sorriso, ma poi… ci lascia un dolce amaro di presa di coscienza. L’opera d’arte è inscenata da una giovanissima compagnia, “I Gatti… Pardi”, frutto dell’Aggregazione Giovanile Atlantide, che vanta la splendida direzione artistica della professoressa Anna Maria Viola.

>  Mimma Giardina

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 settembre 2011 in I Gatti... Pardi

 

Tag: , , ,