RSS

La Tv sottofondo

12 Feb
I più “teledipendenti” sono i messicani: passano di fronte all’apparecchio ben undici ore. Seguono con circa dieci ore i giapponesi. Gli italiani si difendono bene: tra sette e otto ore. La tv piace a tutti, ma sono soprattutto gli anziani e i giovani a trascorrere pomeriggi e sere in sua compagnia. Agli adolescenti piacciono cartoni e telefilms. “Quelli più frizzanti, dove la scuola è rappresentata come un luogo stimolante e vivace, in cui è facile costruire amicizie e anche storie d’amore, magari un pò tormentate”, spiega don Marco Sanavia che ha studiato a lungo il rapporto tra giovani e televisione per la Fondazione Bordignon. Le storie drammatiche e, allo stesso tempo, scanzonate, permettono ai ragazzi di sognare, di evadere dalla realtà di tutti i giorni. “La tv – spiega – piace ai ragazzi perchè è un sottofondo. Non si deve stare necessariamente incollati a guardarla, la si accende e intanto si chiacchiera, si mandano i messaggini,…”. E’ come un vicino rumoroso e chiacchierone. Lo si lascia parlare e di tanto in tanto lo si ascolta, anche se distrattamente. Con una differenza importante: a un vicino vero si può anche rispondere. La tv non ammette repliche.
> tratto da Popotus
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 febbraio 2010 in Attualità e Cultura

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: