RSS

Archivio mensile:gennaio 2010

Ma cosa ti aspetti dal nuovo anno?

   Quante volte, in queste ultime settimane, abbiamo sentito in giro o in televisione domande di questo tipo? E quante volte ci sono stati offerti a buon mercato oroscopi e previsioni per un 2010 sereno o, comunque, migliore dell’anno appena terminato? Ormai non siamo più tanto ingenui da credere a sedicenti studiosi delle stelle, o forse sì; forse lo siamo ancora perchè davvero ci manca “qualcosa”, qualcosa per andare oltre, per puntare in alto, per guardare la realtà con occhi limpidi ed il futuro con uno sguardo di speranza. Nessuno è esente da questo, neanche i cristiani.
   C’è un’attualità fatta di persone, situazioni, problemi, sofferenze, risorse, debolezze e ricchezze, che non ha più bisogno di attendere qualcosa, perchè il “mistero” del Natale ci ricorda che tutto ciò che è davvero essenziale per l’uomo ci è stato già donato 2000 anni or sono!
   Possiamo crederci o no, ma è un fattto storico che ha cambiato la storia degli uomini di ogni tempo. E se vogliamo, può cambiare anche la nostra!
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 gennaio 2010 in Riflessioni

 

Il “futuro” di… Atlantide

      Ecco il nuovo anno. Si cominciano a fare progetti, sorgono idee, propositi. Anche all’interno di Atlantide avviene tutto questo. Giorno 28 dicembre dell’anno appena trascorso, noi, Giovani di Atlantide, ci siamo riuniti per dialogare e confrontarci, in particolare riguardo alle attività svolte sino ad allora. Uno dei temi principali dell’incontro è stato l’evento tenutosi, due giorni prima, all’interno del teatro S. Alessandro di Santa Margherita di Belice, dal nome suggestivo di “CHRISTMAS TOGETHER”, ovvero “Natale insieme”, all’insegna del divertimento ma anche di riflessione sui temi centrali del Natale tra i quali, il più importante, la nascita di Gesù. Abbiamo analizzato soprattutto l’epilogo del Christmas Together 2009, per valutare se sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati, come ad esempio, il coinvolgimento dei giovani. Erano infatti scarsamente presenti i ragazzi la cui fascia di età oscilla tra i 15 e i 20 anni. Dov’erano? Bho! Allora ci siamo domandati se non sia stato l’effetto di un errore nostro… se abbiamo sbagliato nella scelta del metodo di comunicazione. Questa sarà la riflessione che l’Aggregazione dovrà sviluppare nei prossimi mesi. Ad ogni modo, abbiamo comunque gioito degli ottimi risultati complessivamente ottenuti e ci siamo complimentati fra di noi, ringraziando Dio di tutto ciò.
      E’ stato, infatti, un anno davvero importante il 2009. Si è formato un gruppo di persone, di amici, che vogliono divertirsi, maturare, cercando di far capire anche agli altri quanto è bello stare insieme. I propositi per il futuro ci sono e sono anche molteplici. Ad esempio, c’è già chi si è proposto per insegnare a suonare strumenti musicali; subito dopo carnevale, infatti, prenderà il via finalmente il tanto sperato “Laboratorio Musicale” dell’Aggregazione, aperto a chiunque voglia fare musica di qualunque genere con noi. Il P.F.C., ossìa il “percorso di formazione cristiana”, riprende i suoi consueti incontri del secondo ed ultimo venerdì di ogni mese; anche questo aperto a tutti, giovani e non. Il “Giornale di Atlantide”, come si vede, va avanti rigoglioso e si và arricchendo continuamente di contenuti e nuovi collaboratori.
      Mi auguro, quindi, e faccio quest’augurio a tutti noi, che possiamo continuare a crescere all’interno della nostra Aggregazione, non solo nel numero, come già accade, ma anche nello spirito, nell’intelligenza e nella maturità, per pervenire al sicuro risultato di un miglioramento della nostra vita personale e sociale, facendoci portatori e “comunicatori” di sani e forti principi.
      Auguri a tutti!, allora, compresa… Atlantide. Affinchè il 2010 possa essere un anno felice e ricco di meravigliose esperienze!!!
Lucio Vetrano
 
 

Tag:

Il “nostro” Natale…

 
 

Tag:

Un altro Anno… comincia.

      Ogni anno celebriamo il Natale e con esso prendiamo atto che un altro anno della nostra vita è passato. Anche se quello appena trascorso non è stato dei migliori, il tempo è comunque un dono di Dio e come tale va accolto e vissuto. Impariamo molto, infatti, anche dagli eventi negativi: bisogna comprenderli, tirar fuori da essi ciò che può esserci utile e non dimenticare. Ogni esperienza ci fa crescere e ci aiuta a migliorare. Auguri!, allora, ancora una volta, per il nuovo anno che comincia, carico di “grandi speranze” per tutti, giovani e adulti.
      In Gesù che nasce, vediamo e tocchiamo con mano quanto il nostro Dio non abbia paura di rischiare per coloro che ama, tanto da diventare uno di noi, rimanendo se stesso. Il nostro Dio è sorprendentemente giovane, innamorato e, come ben sappiamo quando capita a ciascuno di noi, non fa calcoli, non ha misura, non ci ripensa! Per questo, auguriamo a tutti i giovani di essere buoni e generosi sull’esempio di Dio. E agli adulti auguriamo di essere altrettanto buoni e generosi, senza paura di scommettere ed investire sul futuro dei giovani, cominciando dalle piccole cose di ogni giorno.
      Ciò che è piccolo può contenere anche tanto. L’infinitamente piccolo del Bambino di Betlemme, infatti, contiene l’Assoluto ed è per noi un insegnamento costante e duraturo. Bisogna imparare a valorizzare tutte le cose, grandi o piccole che siano. Bisogna imparare a valorizzare tutte le esperienze, condividendo la nostra comune condizione umana, a partire dalla logica dell’infinitamente piccolo.
      Auguriamoci a vicenda, allora, che il 2010 sia un anno prospero e sereno, che porti la vera pace ed il vero benessere a tutti e dappertutto. Sappiamo però che tutto questo richiede il nostro personale contributo. Occorre fidarsi gli uni degli altri, lavorare insieme per costruire, ricucire gli strappi che l’egoismo ha provocato. Occorre l’umiltà di riconoscere i propri errori e attivarsi per ripararli, guardando negli altri tutto ciò che di buono possiedono, al di là di errori e cattiverie. Non assolutizzare le proprie “ragioni” per provare a condividere il “cuore” degli altri.
      Buon Anno a tutti!
AGGREGAZIONE  GIOVANILE  ATLANTIDE
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 gennaio 2010 in Vibrazioni

 

Capodanno 2010

Salve, carissimi lettori. Ho trascorso per la prima volta, insieme a due miei amici, questo Capodanno 2010 al Giardino delle Esperidi di Castelvetrano. La serata è iniziata all’una e trenta e presenti all’ingresso vi erano circa mille persone. Entrati, dopo un’attesa di quarantacinque minuti, abbiamo trovato dinanzi ai nostri occhi una location fantastica e molto elegante, due sale che permettevano di ascoltare e ballare vari generi di musica. All’interno del locale vi erno circa cinquemila persone. La serata danzante si è conclusa alle sei del mattino e, sapendo che nelle vicinanze c’era un bar che faceva dei cornetti squisiti, ci siamo di corsa recati lì, dove abbiamo trovato una folla impressionante che aspettava impaziente che i cornetti fossero pronti. E’ stata una nottata stancante, ma molto soddisfacente, in cui abbiamo avuto l’opportunità di conoscere nuove persone, divertirci e provare un’esperienza fin ora sconosciuta.
>  SALVATORE MONTELEONE
 
 

Tag:

Keep it real: AVATAR

“Avatar” visto in 3D, munito di occhialetti e proiettato sullo schermo cinematografico più grande di tutta la città di Milano. Avatar, il capolavoro sopraffine del cinema contemporaneo, innovativo in tutto il suo splendore; personalmente, mi ha sopraffatto, emozionato, sconvolto, entusiasmato, trascinato, illuminato ed esaltato. Uno di quei capolavori d’arte cinematografica che rappresentano il passato-presente-futuro. Unico e incredibile in tutti i minimi dettagli e particolari: colori, ambientazioni, scene di ripresa, musiche, effetti speciali, innovative tecniche di riproduzione e registrazione, avvincente fino all’ultimo secondo. Avatar combina fantascienza con realtà e va oltre l’immaginario. Uno di quei films che stravolgono i canoni tradizionali dell’arte cinematografica: innovativo, unico, surreale, reale, sbalorditivo, magistrale. Un kolossal da vedere assolutamente, da ammirare, criticare e sognare. Avatar è tutto ciò e molto altro ancora. Keep it real. Ringrazio il regista James Cameron per averci fatto ammirare e scoprire nuovi orizzonti dell’arte creativa. Complimenti per l’opera d’arte sublime.
 
> dalla nostra redazione di Milano, FABIO PROVENZANO
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 gennaio 2010 in Keep it real

 

Tag:

La Nave

Se vuoi “costruire una nave”, non devi per prima cosa, affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro. Invece, prima “risveglia” negli uomini la nostalgia del mare, lontano e sconfinato. Appena si sarà risvegliata in loro questa “sete”, si metteranno subito al lavoro per costruire la nave.
>  dal “Christmas Together 2009”